Sabato 15 Dicembre 2018 | 05:42

GDM.TV

Le belle conchiglie e gli antichi oggetti tarantini

Se ne va a Taranto, dunque, il nobile svizzero ed eccolo incantato sulle rive di quel mare, alla caccia di oggetti preziosi che, a suo dire, non era tanto difficile trovare quasi a portata di mano. Sentiamo il nobiluomo della nobile Svizzera: …per godere meglio del panorama, lasciavo la carrozza e gironzolavo lungo la spiaggia, dove ad ogni istante un nuovo oggetto occupava la mia attenzione. Le onde di questo calmo lago lasciano continuamente sulla sponda rarità naturali ed artistiche, e qui arricchii la mia collezione di conchiglie delle più belle specie. Ma sul mare tarantino non appaiono - udite, udite - solo belle conchiglie: affiorano oggetti ben più consistenti. Sentiamo, dunque, il nostro nobile viaggiatore: …alcuni rari pezzi di monete, di cammei, ed anche oggetti d'oro e d'argento, non è infrequente ritrovarli qui, specie lungo il tratto fra la chiesa di Santa Lucia e la città, dove si crede esistesse anticamente la strada dorata e inargenta dell'antica Tarentum. Non è solo probabile, ma è stato accertato da esperimenti che vari oggetti antichi è facile rintracciare scavando in queste vicinanze. Molto semplice, dunque, secondo il Nostro. Bastava a Taranto andare in riva al mare e le onde portavano cose preziose. La cosa, secondo il viaggiatore, era stata provata da esperimenti. E' da pensare piuttosto che il parente del capo degli svizzeri al servizio del re di Napoli avesse scoperto - e lo dice con giri di parole - si fosse accorto dell'esistenza, in quei tempi, dei primi i tombaroli. Ma il paesaggio è sempre il suo punto d'attrazione ed ecco come descrive il fiume Tara: …verso il giorno 6 aprile mi allontanai circa quattro miglia lungo la costa dalla parte orientale, e raggiunsi un punto così bello , da tenermi lì incantato senza permettermi di più oltre proseguire. Un ruscello fresco e profondo sbocca in quel punto di mare, dopo una sinuosa corsa attraverso la campagna verde e piana. Sia sull'una che sull'altra riva sono numerosi i giardini, sovra cui la natura pare abbia proprio rovesciato il suo corno d'abbondanza, tante varietà sono di alberi i cui i frutti incantano la vista ed il palato per la loro bellezza e per il loro sapore, e che riempiono l'aria della loro fragranza Ah, Taranto bella d'un tempo lontano, quando non eri affogata dai fumi e dalle nebbie del siderurgico. Ma il nostro svizzero trova però che le nostre città non sono ben tenute. E allora rivolge, ai pugliesi del tempo, alte rampogne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori