Lunedì 25 Gennaio 2021 | 22:10

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Innamorato della Puglia

S'innamorò della Puglia, Fernand Gregorovius, soprattutto per ragioni storiche: la nostra terra era stata cara a Federico II e il romantico tedesco, alla maniera del suo grande Goethe, se ne scese con cuore di pellegrino a ritrovare i monumenti e i luoghi e le popolazioni che furono nel cuore, ma anche nell'astio, dell'imperial nipote di Federico Barbarossa. Due volte scese in Puglia: nel 1874 e nell'anno successivo. Le sue impressioni furono raccolte nel bel libro "Nelle Puglie", stampato in Firenze nel 1882. Ed eccolo nel paesaggio della Puglia piana, eccolo nella campagna fra Foggia e Manfredonia dove si delineano anche i monti.

Nella steppa pugliese: fiori e formaggio
La prima impressione che il Gregorovius annota nelle sue pagine è il paesaggio nel quale è immersa Manfredonia: …verso Manfredonia il Tavoliere è quasi privo di alberi ed è ricco di erbe ed ha insieme qualcosa della steppa. Il finocchio selvatico dalle lunghe aste, coronate dai loro graziosi mazzolini di fiori color oro-giallo ha preso il posto degli alberi e degli arbusti. Qui l'asfodelo, il caglio e la mente sono come un mare flessuoso e ondeggiante di fiori. La verde steppa, per quanto l'occhio può abbracciare, è qua e là cosparsa di fattorie. Dall'alto di ciascuna di esse si eleva una piccola piramide, che si termina in un fumaruolo: sono i fornelli ove viene cotto e manipolato il formaggio pecorino. Siffatti camini possono chiamarsi le figure caratteristiche di questi pascoli senza fine, come nella campagna di Roma lo sono le torri medievali e i sepolcri antichi.

Andria, terra di mandorli e di braccianti dai visi abbronzati
Fernand Gregorovius, seguendo le orme federiciane, se n'andò ad Andria la città fidelis di Federico II: tanto fedele che,nella sua Cattedrale, l'imperatore fece seppellire ben due sue mogli. Eccolo a contatto con la civiltà contadina di quel centro: …la città di Andria giace su di una ubertosa pianura e tutta la campagna è uno sterminato giardino di mandorli. Qua e là s'avvicendano oliveti, vigne e anche piantagioni d'arance, ma il mandorlo predomina. Chi non conosca le condizioni agrarie della Puglia, sarebbe indotto a pensare che fra tanta abbondanza di una nutura paradisiaca gli uomini vivano sguazzando nella ricchezza. Invece non sarebbe piccola la sua meraviglia nel trovarvi solo pochi ricchi possidenti; e poi moltitudini innumerevoli di campagnoli e braccianti condannati da una vita di stenti e di miseria. La città, nelle ore del giorno deserta e morta, la sera rigurgitava di popolo; ma, beninteso, di una classe sola, contadini e lavorator de' campi, tutti dalle facce abbronzate i più ai tratti ben formati, con le loro giubbe paesane di fustagno color cilestre. La tranquilla impassibilità di quella moltitudine di uomini che stavano a gremire le piazze. E il paesaggio mi colpì in modo singolare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400