Venerdì 22 Gennaio 2021 | 23:54

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Vedova di un carabiniere morto a Nassiriya: mio marito mi ha raccontato delle torture

ROMA - «Ho visto un carcere, una cosa squallida, bruttissima. Li tenevano nudi».
Pina Bruno, vedova di Massimiliano, il carabiniere del Ris morto nell'attentato di Nassiriya, racconta a «Primo Piano» del Tg3 le confidenze del marito sulle torture in Iraq.
«Gli italiani - spiega nell'intervista la donna - andavano lì a prendere i carcerati iracheni e dicevano loro: se ti comporti bene, ti facciamo uscire, ti facciamo lavorare per noi italiani. Quando ha visto certe cose - dice Pina Bruno riferendosi al marito - è rimasto stravolto. Massimiliano non credeva a quello che aveva visto. Mi diceva: se me lo raccontavano non ci avrei creduto. Quelli sono trattati peggio degli scarafaggi».
L'intervista prosegue dicendo che «Massimiliano era rimasto molto colpito e mi aveva detto: «Siamo nel 2000, neanche nella prima guerra mondiale c'erano queste torture! C'erano dei posti sotterranei dove si nascondevano e nascondevano questi iracheni».
Ma i carabinieri avevano denunciato questi fatti? domanda il Tg3. «Massimiliano - risponde la vedova - mi disse che ognuno aveva un compito. C'era una persona che comunicava quello che aveva visto, quello che succedeva e quello che stava per succedere e poi comunicava all'Italia. E' assurdo che dicano che non sapevano niente». E i superiori non hanno fatto niente? domanda ancora il Tg3. «No, ma dai, scherziamo?!».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400