Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:56

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Situazione più grave da gennaio scorso

TARANTO - Da quasi due anni, dopo il sequestro penale e lo spegnimento di quattro batterie ritenute inquinanti, le cokerie dell'Ilva di Taranto funzionano a ritmo ridotto utilizzando solo le restanti sei batterie: per questo il gruppo Riva ha dovuto importare dalla Cina il carbon coke di cui ha bisogno e che prima produceva nello stabilimento jonico. La situazione, però, si è aggravata nel gennaio scorso quando il governo cinese ha deciso di ridurre drasticamente il numero delle licenze per la vendita di coke alle aziende produttrici estere.Il 28 gennaio 2004 Emilio Riva lanciò l'allarme, dichiarando che la decisione del governo di Pechino avrebbe potuto provocare gravi ripercussioni sia allo stabilimento di Genova sia a quello di Taranto. «Se l'approvvigionamento di coke diventerà impossibile - affermò Riva, riferendosi alla situazione della fabbrica tarantina - ci sarà una caduta produttiva a catena che interesserà gli altiforni, i laminatoi, i nastri e a seguire le altre attività, con il rischio di dover adottare misure anche sul fronte occupazionale».Sino alla fine di febbraio scorso l'Ilva ha fatto fronte all'emergenza utilizzando anche le scorte di carbon coke già in deposito; dal 3 marzo la situazione è divenuta meno pesante dopo lo stop, già programmato, per provvedere alla manutenzione dell'altoforno 5. Nei giorni scorsi l'Ilva ha consegnato alla Regione Puglia un piano industriale che prevede, tra l'altro, la ricostruzione delle quattro batterie finite sotto sequestro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400