Giovedì 27 Febbraio 2020 | 00:06

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
HomeIl virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Il Coronavirus arriva in Puglia, caso positivo a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno.
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse

 
BatL'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
LecceIsolato a Codogno
La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

 
FoggiaLa scoperta
Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già depodito di automezzi rubati

Cerignola, refurtiva in un ex mobilificio già deposito di automezzi rubati

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Anche a Bari un bus navetta solo per immigrati

BARI – Funziona anche a Bari, da un paio di settimane, un bus navetta dedicato che collega il Cara (Centro di accoglienza per richiedenti asilo) di Bari-Palese, con la stazione ferroviaria di Bari centro. Il servizio, che è gratuito, è stato istituito il 21 marzo scorso grazie ad una intesa tra l’amministrazione comunale e la prefettura di Bari raggiunta dopo una riunione del comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico. All’origine della decisione sono stati addotti motivi di sicurezza legati al fatto la fermata della linea di trasporto urbano preesistente ed usata dagli immigrati del Cara dista un paio di chilometri dall’ingresso del centro. Gli immigrati quindi per accorciare la strada, percorrevano un tragitto che attraversa campi agricoli privati e anche i binari di una linea ferroviaria, provocando disagi agli agricoltori ed esponendosi al rischio di essere investiti da un treno. Il bus navetta fa quattro corse al giorno. Gli immigrati, precisò il sindaco, Michele Emiliano, possono prendere anche gli altri autobus, pagando il biglietto come tutti gli altri cittadini. Anche l’iniziativa barese aveva suscitato qualche perplessità e oggi i giovani di 'Sinistra Criticà in una manifestazione dinanzi alla stazione ferroviaria hanno distribuito volantini chiedendo tra l’altro al sindaco di eliminare quegli autobus perchè sono prove di «segregazione razziale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400