Lunedì 27 Settembre 2021 | 06:17

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Polo d'arte contemporanea per 3 nuove piazze a Bari pubblicati bandi da 10 mln

Polo d'arte contemporanea per 3 nuove piazze a Bari pubblicati bandi da 10 mln
BARI – Sono stati pubblicati i due bandi da 10 milioni di euro per il recupero e la valorizzazione del Teatro Margherita e dell’ex Mercato del pesce, che costituiranno con la Sala Murat il polo delle arti contemporanee di Bari. I dettagli sono stati illustrati in conferenza stampa nel foyer del Teatro dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, e dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che hanno presentato il progetto definitivo per la realizzazione del Polo.

Tre – è emerso – sono le innovazioni progettuali: la creazione di tre nuove 'piazzè formate dal piano terra e dal roof garden del futuro Mercato del pesce e dal foyer al piano terra del Margherita; la realizzazione di un mercato e di spazi per la degustazione di prodotti a km0 presso il Mercato; la creazione di residenze artistiche. Per entrare le gare il termine ultimo per la ricezione delle offerte scade il 29 ottobre. Alle aziende aggiudicatrici spetterà il compito di redigere i progetti esecutivi comprensivi di eventuali migliorie. Il tempo stimato per la realizzazione dei lavori è di 22 mesi dal momento della consegna dei due cantieri. In prossimità dell’ultimazione dei lavori sarà pubblicato un bando per individuare i soggetti privati cui affidare la concessione d’uso degli spazi che compongono il Polo.

"Bari finalmente ha la sua storia che parla di arte, di modernità, di cultura e che finalmente non avrà nulla da invidiare – secondo Decaro – alle più grandi città italiane ed europee.BTanti prima di me hanno scritto pagine importanti e fondamentali perchè noi oggi arrivassimo qui e io sono onorato di avere la possibilità di poter apporre anche la mia firma infondo a questa bellissima opera d?arte che spero Bari potrà vivere, non solo vedere, presto". "Abbiamo cominciato questo lavoro con me sindaco – ha aggiunto Emiliano –  che ora prosegue con l’amministrazione Decaro ed il caso vuole dall’amministrazione regionale da me guidata. Questo non è un contenitore solo museale poichè offre alla città di Bari la possibilità di andare verso la creatività in tutte le sue forme. Quanto al modello di gestione lo ritengo fondamentale. Bisognerà trovare punto equilibrio tra privato e pubblico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie