Martedì 21 Settembre 2021 | 20:07

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il «Viaggio in Lucania» di Carlo Levi, a Matera fino al 30 settembre

Il «Viaggio in Lucania» di Carlo Levi, a Matera fino al 30 settembre
MATERA – 'Don Carlo', lo scrittore e artista Carlo Levi, fotografato tra la gente dei rioni Sassi di Matera per ripercorrere alcune delle sensazioni che lo portarono a scrivere il celebre libro-denuncia 'Cristo si è fermato a Ebolì, e una sequenza di 70 immagini tutte in bianco e nero di popolani, artigiani, bambini, animali, ambienti della 'capitale della civiltà contadinà che servirono all’intellettuale torinese per realizzare il telero 'Italia 61' in occasione del centenario dell’Unità d’Italia. La mostra di Mario Carbone "I Sassi di Matera. Viaggio in Lucania con Carlo Levi" sarà inaugurata in serata a Palazzo Lanfranchi su iniziativa del Polo museale della Basilicata.

Il lavoro, che ha visto un piccola anticipazione con la mostra sui 50 anni del film 'Il Vangelo secondo Matteo' di Pier Paolo Pasolini, rappresenta una formidabile testimonianza sulla vita dei Sassi, che nel dopoguerra erano considerati simbolo della 'vergogna nazionalè per le condizioni di vita della popolazione, residente nelle malsane abitazioni in roccia e tufo del Caveoso e del Barisano. Negli scatti di Carbone sono evidenziate scene del quotidiano: la vita dei vicinati, i giochi dei bambini, il rientro dei contadini e dei muli dai campi, la cucina e le azioni domestiche, l’arrivo del postino e la maestria degli artigiani.

Le immagini di Carlo Levi, relative ad alcune visite, segnarono importanti interventi in difesa dell’identità di Matera, tra questi la relazione tenuta in Senato nel 1966 per "rifare dei Sassi un centro di vita civile". L’acquisizione - hanno detto gli organizzatori – delle fotografie realizzate a Matera nel corso del Viaggio in Lucania, che segue quella dei 13 scatti propedeutici alla realizzazione del telero e esposti dal 2011 di fronte al dipinto, è il primo passo in direzione di una valorizzazione organica del grande archivio foto-cinematografico di Mario Carbone.
La mostra, che rientra nelle iniziative per i 40 anni della morte di Carlo Levi, resterà aperta fino al 30 settembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie