Domenica 26 Settembre 2021 | 19:51

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Tanti incantati dalla magia delle cascate lucane

Tanti incantati dalla magia delle cascate lucane
di ALESSANDRO BOCCIA

Uno dei luoghi più suggestivi della Basilicata: le cascate di San Fele, dove è ancora possibile vivere l’incanto di una natura incontaminata, tra bellissimi scorci paesaggistici. Nascono lungo il torrente Bradano che, attraversando il territorio del piccolo centro del Potentino, è costretto ad effettuare dei particolari e spettacolari salti di quota. L’area, per anni in stato di abbandono, è stata valorizzata grazie ad un’associazione nata nel 2011 per iniziativa di alcuni volontari.
«In questi anni tanto abbiamo fatto – ci racconta Michele Sperduto, il presidente dell’associazione “U Uattënnierë” – ma ancora molto rimane da fare. Ad ogni modo grazie all’intervento finanziario concesso nel novembre del 2012 dalla Regione Basilicata pari a 140 mila euro, sarà possibile, speriamo in tempi brevi, rendere l’area più agibile, attraverso interventi quali la sentieristica necessaria e le dovute opere di messa in sicurezza dei tracciati, oltre che l’acquisizione delle aree private adiacenti al torrente Bradano».

Insomma sono diversi i programi in cantiere. «Su tutti c’è l’obiettivo di valorizzare attraverso il ripristino ai fini museali, dei numerosi ruderi industriali presenti lungo il torrente Bradano. Si tratta di antichi mulini e della cosiddetta ‘gualchiera’ (in dialetto sanfelese U uattenniere), che ha ricevuto a settembre del 2014 il riconoscimento di bene culturale di interesse storico, ambientale ed etnoantropologico, in quanto significativo esempio di tipologia architettonica rurale testimonianza dell’economia tradizionale del territorio di San Fele, legata alla storia e all’identità stessa delle popolazioni locali».

Ad ogni modo l’associazione continua il proprio impegno nel valorizzare ulteriori aree attraversate dal torrente. A breve sarà possibile fruire di nuovi percorsi guidati ed ammirare altre cascate. E’ stata anche realizzata una mappa ricca di informazioni che contiene i diversi percorsi con i rispettivi gradi di difficoltà, tutti studiati per apprezzare la straordinaria unicità e bellezza del paesaggio. «Un riconoscimento importante va anche all’Azienda di promozione turistica di Basilicata – conclude Sperduto – che ha prodotto materiale informativo ed attivato numerose iniziative finalizzate a pubblicizzare e a far conoscere le cascate di San Fele. Un plauso, infine all’amministrazione comunale per gli interventi fino ad ora realizzati» .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie