Venerdì 17 Settembre 2021 | 18:28

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Stop inviati Striscia, bufale ipotesi e voci. I fan su Fb #rivogliamofabioemingo 

Stop inviati Striscia, bufale ipotesi e voci. I fan su Fb #rivogliamofabioemingo 
BARI - #rivogliamofabioemingo: dilaga anche su Facebook il «caso» dei due inviati pugliesi di Striscia la Notizia, Fabio e Mingo, sospesi in diretta tv giovedì scorso a Canale 5 in un editoriale del Gabibbo che annunciava verifiche in corso da parte della produzione sull'attività dei due volti storici del tg satirico di Antonio Ricci. «Vi faremo sapere» ha concluso il pupazzo più famoso d'Italia.

Le motivazioni restano un mistero, fioccano solo tante ipotesi sul web, in gran parte anche fantasiose. I due interessati non rilasciano dichiarazioni, anche perchè loro stessi sarebbero all'oscuro delle motivazioni in attesa di un chiarimento con il «capo» della trasmissione, Antonio Ricci. Facile immaginare lo stato d'animo dei due, ancora increduli di quanto sta accadendo. Il caso ha scatenato anche sciacalli come quello che «spacciando» un post di Tgcom 24 ha attribuito la sospensione di Fabio e Mingo all'arresto dei due per traffico di droga e prostitute. Notizia ovviamente rivelatasi completamente falsa e smentita dallo stesso Tgcom 24 con tanto di nota ufficiale.

Nè le tre ipotesi che circolano sul web sembrerebbero fondate. La prima riguarda un servizio alla Asl di Pescara andato in onda qualche settimana fa relativa a un presunto «prezzo triplo» di un capannobe acquistato dalla Asl di Pescara. Il direttore generale avrebbe annunciato querela accudando il programma di aver mandato in onda immagini di un immobile diverso. Salvo clamorosi retroscena, si tratta di un servizio come altri che si prestano a letture diverse salvo dichiarati e provati «stravolgimenti».

Altra ipotesi: la cosiddetta firma dei servizi. Un'altra scuola di pensiero vedrebbe Fabio (il muto) rivendicare una sua presunta esclusione da tale attività. In realtà Fabio De Nunzio non ha mai svolto compiti autorali visto che i servizi vengono approvati dalla produzione di Milano che provvede alla loro messa in onda: e glin unici a firmare i servizi sono gli autori di Milano. Inoltre, è fatto noto che la moglie di Mingo sia titolare di una società di produzione che si occupa del confezionamento dei servizi: attività che sarebbe regolata da un normale contratto ormai da diversi anni.

Terza ipotesi eventuali attività «extra Striscia»: anche in questo caso, sua i due inviati, sia altri loro colleghi, sono testimonial di campagne - gratuite perchè a fini sociali o a pagamento - purchè non in conflitto con il programma.

Nel frattempo fans, amici e conoscenti di Fabio e Mingo stanno prendendo d'assalto il web: costituito un gruppo che chiede il ritorno in tv dei due famosi attori. Bimbi, adulti, studenti: chi con un selfie tenendo un cartello #rivogliamofabioemingo, chi con un messaggio, a migliaia stanno piovendo iscrizioni e post di solidarietà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie