Sabato 06 Marzo 2021 | 09:54

NEWS DALLA SEZIONE

Nuove proposte
Il foggiano Gaudiano trionfa a Sanremo Giovani

Sanremo 2021, il foggiano Gaudiano trionfa nella categoria giovani

 
Questa sera
Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

Sanremo Giovani, «Rosso Gargano» tifa Gaudiano

 
agroalimentare
Potenza, pop corn nel paniere lucano tutelato dal ministero

L'America è qui: Il popcorn di Castronuovo finisce nel paniere lucano

 
il festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
oggi in via parisi
Altamura non dimentica: un murale dedicato a Domi

Altamura non dimentica: un murale dedicato a Domi

 
sapori in trasferta
Lecce, i pasticciotti alla melagrana conquistano gli Emirati Arabi

Lecce, i pasticciotti alla melagrana conquistano gli Emirati Arabi

 
Il personaggio
La sfida di Vincenzo, il barman partito da Cassano per incantare i britannici

La sfida di Vincenzo, il barman partito da Cassano per incantare i britannici

 
Il personaggio
Talenti in fuga: sara, scienziata di Mola alla corte della Nasa

Talenti in fuga: Sara, scienziata di Mola alla corte della Nasa

 
L'intervista
Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

Il pugliese Gio Evan a Sanremo 2021: «La musica ha un potere terapeutico»

 
A ground zero
La chiesa di San Nicola a New York risplende con i marmi del Partenone

La chiesa di San Nicola a New York risplende con i marmi del Partenone

 
L'intervista
Francesca Barra, «Io travolta dal talento visionario di Achille Lauro»

Francesca Barra, «Io travolta dal talento visionario di Achille Lauro»

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIndustria
Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
FoggiaNuove proposte
Il foggiano Gaudiano trionfa a Sanremo Giovani

Sanremo 2021, il foggiano Gaudiano trionfa nella categoria giovani

 
BariMisure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Commercio

Monopoli, dopo 44 anni chiude lo «Smeraldo» del borgo: Covid colpo di grazia

Lo storico 'caffè dei marinai' chiude i battenti dopo 4 decenni

Monopoli, dopo 44 anni chiude lo «Smeraldo» del borgo: Covid colpo di grazia

Saracinesca chiusa da domani allo «Smeraldo» del borgo. Lo storico bar a tutti noto come «quello all’angolo della villa» chiude i battenti dopo 44 anni di onorato servizio in tazzina. Ma anche il gelato era un cavallo di battaglia e le paste la domenica nel vassoio di cartone dorato, consuetudini che non torneranno più.
Una chiusura che sa di sconfitta su tutti i fronti, con il Covid che ha segnato il colpo di grazia e terminato una lunga tradizione.
Con il «Bar Smeraldo» si chiude l’epoca del caffè dei marinai al mattino, quando c’erano ancora molti pescherecci, il mercato del martedì nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele II (il borgo) con un via vai di gente che a sera si tramuta nel passeggio dello struscio.

Anni ormai andati. In cui si lavorava con la gente che affollava il centro e soprattutto la domenica quando le strade laterali alla piazza per eccellenza venivano chiuse per dare ampio spazio al passeggio domenicale.
Altri tempi in cui i ragazzi cresciuti al caffè «Roma», negli anni ‘70 presero le loro strade. Vito Ulivo, Tommaso Iaia, Nicola Pipoli e Luciano Leoci, che oggi a 70 anni, dice basta con la caffetteria e si mette a riposo. I figli Paolo e Gianni cambiano attività ma non lasciano il settore e ricordano l’amarcord di una stagione felice che sembra passata in batter di ciglia.
«Avevo un anno quando papà aprì il bar - ricorda Paoletto - Era il 3 febbraio del 1976. Non so perché si scelse quel nome, in realtà era lo stesso del bar che venne avviato un anno prima, sempre lì da Pierino Allegrini».
L’avviamento da parte di un’altra famiglia che ha segnato la ristorazione e la pasticceria in città. Gli Allegrini lasciarono il centro città per aprire le loro strutture al Capitolo. Ma l’era delle sale ricevimenti non sottrasse nulla al Caffè. E «Smeraldo» ha brillato con tre ristrutturazioni fino a oggi.

«Avremmo voluto fare una grande festa - rimarca Paolo - ma il covid-19 ci ha tolto anche questo piacere». Ricorda: «Negli anni d’oro davamo lavoro fino a 15 persone che si alternavano in 3 turni di lavoro. Il bar sembrava un porto di mare per quanta gente vi entrava». E i tavolini, in un’epoca priva di restrizioni, senza le regole dell’Haccp, si mettevano anche sotto gli alberi, agli angoli della piazza: d’estate c’era il piano bar.
Sembra il ricordo di quattro amici al tavolino e invece è la realtà di un mondo che se non c’è più, ha comunque cambiato pelle. E fino a tre anni fa, la mamma Anna Leuci, ora 66enne, ha mantenuto salda anche la tradizione della pasticceria che la domenica era un rito immancabile in una stagione in cui il dolce a fine pranzo era solo relegato alla domenica e alle feste comandate. Le calze della Befana si compravano al bar e la notte della Madonna, il 16 dicembre, la fila per la cioccolata calda o il caffè con l’anisetta si allungava prima che il sole scaldasse l’orizzonte.

Lo «Smeraldo» chiude e lascia un quadretto di memorie nella mente di chi ha vissuto quei momenti, di chi oggi canuto e stempiato sa cosa significava il passeggio dal Borgo alla Villa e l’eco dei concerti estivi gratuiti in piazza, quello epico di Zucchero Fornaciari al suo primo grande tour di «Oro, incenso e birra» e le note di «Pippo che cazzo fai» rimbombarono nella afosa notte di Monopoli la sera del 4 agosto del 1989: non solo il «Bar Smeraldo», ma tutti i bar della città e gli alimentari vendettero l’invendibile. Però l’eco di quei momenti di festa ormai è solo un ritornello triste come il cigolio di una saracinesca che si chiude sul passato di una pagina di storia dell’Horeca cittadina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie