Lunedì 20 Settembre 2021 | 08:26

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Pallavolo: De Giorgi, vittoria Europei merito del gruppo

Pallavolo: De Giorgi, vittoria Europei merito del gruppo

 
ROMA
Pallavolo: 3-2 alla Slovenia, l'Italia vince gli Europei

Pallavolo: 3-2 alla Slovenia, l'Italia vince gli Europei

 
ROMA
Pelè dall'ospedale: "Buon umore è la miglior medicina"

Pelè dall'ospedale: "Buon umore è la miglior medicina"

 
ROMA
Serie A: Juventus-Milan 1-1

Serie A: Juventus-Milan 1-1

 
ROMA
Calcio: Premier; United e Chelsea agganciano il Liverpool

Calcio: Premier; United e Chelsea agganciano il Liverpool

 
ROMA
Verona-Roma 3-2

Verona-Roma 3-2

 
ROMA
Serie A: Lazio-Cagliari 2-2

Serie A: Lazio-Cagliari 2-2

 
ROMA
Ciclismo, Draghi: "Bravo Ganna, è il più veloce del mondo"

Ciclismo, Draghi: "Bravo Ganna, è il più veloce del mondo"

 
ROMA
Ciclismo: Ganna campione del mondo a cronometro

Ciclismo: Ganna campione del mondo a cronometro

 
ISTANBUL
Calcio: tedesco Stefan Kuntz nuovo ct della Turchia

Calcio: tedesco Stefan Kuntz nuovo ct della Turchia

 
PALERMO
Canoa: Di Liberto campione del mondo velocità nel K1 200 metri

Canoa: Di Liberto campione del mondo velocità nel K1 200 metri

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

ROMA

Tokyo, Simeoni: "Che gioia Tamberi e Jacobs, l'atletica c'è"

L'oro a Mosca 1980 nell'alto: "Gianmarco è stato impeccabile"

Tokyo, Simeoni: "Che gioia Tamberi e Jacobs, l'atletica c'è"

ROMA, 01 AGO - "Belli e bravi, Tamberi e Jakobs, ma anche gli altri azzurri: dalla Sibilio alla Bogliolo. L'atletica italiana aveva bisogno di rimettere dei puntini sulle 'i' e ha dimostrato che c'è". Sara Simeoni, oro nel salto in alto alle Olimpiadi di Mosca, nel 1980, al telefono con l'ANSA, non riesce a nascondere la propria emozione dopo avere assistito alle imprese degli azzurri a Tokyo. "Il fatto che Tamberi sia riuscito a riportare il salto in alto sul podio olimpico, è una cosa che mi ha fatto veramente piacere - aggiunge la Simeoni -. Proprio lui che si era perso le Olimpiadi di Rio. La gara è stata avvincente, mi sono emozionata: era da tanto che non mi capitava. A seguire è arrivato l'oro di Jabobs. Non c'è stato nemmeno il tempo di elaborare la gioia per l'imprensa nell'alto. Jacobs è una ragazzo con delle potenzialità enormi, non era facile restare concentrati come ha fatto lui dopo avere migliorato il record europeo nei 100. Complimenti a lui per come si è saputo gestire. Nella gara più veloce, peraltro, non era mai capitato all'Italia". Come a Mosca nel 1980, ai tempi dei Giochi del boicottaggio da parte degli Usa, oro all'Italia nel salto in alto (Simeoni) e nella velocità (Pietro Mennea nei 200). "Un parallelismo si può fare - ammette Sara - anche se manca un altro oro, perché a Mosca - assieme al nostro - ci fu il trionfo di Damilano nella marcia". Dal punto di vista tecnico, il Tamberi di Tokyo è stato impeccabile. "Mi è piaciuto molto - spiega l'olimpionica veronese -. Ha commesso solo un piccolo errore, e che il padre glielo ha ricordato, perché doveva stare più calmo nella rincorsa quando ha fatto cadere l'asticella. La rincorsa nello stile Fosbury è veloce, ma bisogna gestirla senza esagerare. Bisogna trovare l'equilibrio fra dinamismo e salto, altrimenti il rischio di farsi male c'è. Tamberi, comunque, è stato bravo a rifarsi". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie