Martedì 26 Gennaio 2021 | 13:25

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Decreto Cio: Petrucci "minimo sindacale, vittoria di tappa"

Decreto Cio: Petrucci "minimo sindacale, vittoria di tappa"

 
BERGAMO
Calcio: Atalanta; Gomez verso addio, per saluti c'è tempo

Calcio: Atalanta; Gomez verso addio, per saluti c'è tempo

 
ROMA
Decreto Cio: Valente (M5S) "immagine del Paese è salva"

Decreto Cio: Valente (M5S) "immagine del Paese è salva"

 
ROMA
Decreto Cio: conferenza stampa di Malagò alle 18 al Coni

Decreto Cio: conferenza stampa di Malagò alle 18 al Coni

 
ROMA
F1: Leclerc in pista a Fiorano, prime prove stagionali

F1: Leclerc in pista a Fiorano, prime prove stagionali

 
BOLZANO
Pattinaggio: Kostner, presto deciderò se continuare

Pattinaggio: Kostner, presto deciderò se continuare

 
MILANO
Decreto Cio: Bach a Malagò "sono molto felice"

Decreto Cio: Bach a Malagò "sono molto felice"

 
MILANO
Calcio: Milan, Colombo in prestito alla Cremonese

Calcio: Milan, Colombo in prestito alla Cremonese

 
ROMA
Cdm approva 'decreto Cio' per autonomia Coni

Cdm approva 'decreto Cio' per autonomia Coni

 
ROMA
F1: Wolff "rinnovo Hamilton? Avvocati sono al lavoro"

F1: Wolff "rinnovo Hamilton? Avvocati sono al lavoro"

 
MILANO
Calcio:C.Italia; Pioli, vogliamo arrivare fino in fondo

Calcio:C.Italia; Pioli, vogliamo arrivare fino in fondo

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariRegione
La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

La crisi congela l’assessorato ai 5S in Puglia

 
FoggiaIl furto
Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

Foggia, baby ladri nella scuola Catalano-Moscati: carabinieri arrestano un minorenne

 
PotenzaIl caso
Petrolio in Basilicata, timori per la fiammata: la seconda in 10 giorni

Petrolio in Basilicata, timori per la fiammata: la seconda in 10 giorni

 
BrindisiAgroalimentare
Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

Carciofo brindisino, allarme Coldiretti: «Prezzi in crollo verticale»

 
TarantoLa bomba
Esplosione distrugge bar a Taranto, indaga la polizia

Esplosione distrugge bar a Taranto, indaga la polizia

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

ROMA

Maradona: Goikoetxea "sbagliai, ma non volevo fargli male"

L'ex del Bilbao nel 1983 causò grave infortunio all'argentino

Maradona: Goikoetxea "sbagliai, ma non volevo fargli male"

ROMA, 05 DIC - "Il mio nome sarà sempre legato al suo. Non gli ho stroncato la carriera, i napoletani ne sono testimoni": così Andoni Goikoetxea, l'ex giocatore del Bilbao protagonista nel 1983 di un fallo durissimo su Maradona, all'epoca giocatore del Barcellona, che costò al fuoriclasse argentino un gravissimo infortunio che avrebbe potuto stroncargli la carriera. Intervistato da Calcionapoli24, Goikoetxea è tornato su quell'episodio: "Da quel fallo che gli costò l'infortunio il mio nome è stato sempre collegato a Maradona. Nonostante con la maglia dell'Athletic Bilbao abbia vinto campionati e trofei e sia stato un giocatore importante della Nazionale spagnola e dell'Atletico Madrid, in molti mi ricordano soprattutto per il fallo commesso ai suoi danni". "Ho commesso un errore, è chiaro, aggiunge , ma non ho mai voluto fargli del male e lui l'ha capito. Ero un giocatore duro, non cattivo. Dopo 3 mesi era di nuovo in campo a fare prodigi, e credo si sia esagerato parlando di quello che è successo". Una decina di anni dopo, "in occasione della partita a Bilbao, andai a trovarlo in albergo. Sembrerà incredibile, ma non parlammo minimamente di quello che era successo. Parlammo tranquillamente delle nostre famiglie, delle nostre vite davanti a un caffè. Ridevamo e scherzavamo come se niente fosse, non sentii il bisogno di scusarmi e lui il bisogno di perdonarmi. Era tutto passato e questo dimostrava chi fosse Maradona fuori dal campo di calcio: una persona gentile e sorridente. Ci scattammo una foto insieme e firmammo insieme un autografo che conservo gelosamente". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie