Venerdì 18 Gennaio 2019 | 03:13

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Coppa del Re, Barcellona ai quarti

Coppa del Re, Barcellona ai quarti

 
ROMA
Delegazione Chinese League da Balata

Delegazione Chinese League da Balata

 
F1: Lauda sta meglio, dimesso dall'ospedale di Vienna

F1: Lauda sta meglio, dimesso dall'ospedale di Vienna

 
FIRENZE
Andrea Della Valle visita la Fiorentina

Andrea Della Valle visita la Fiorentina

 
ROMA
Dakar: auto, ad Al-Attiyah edizione 2019

Dakar: auto, ad Al-Attiyah edizione 2019

 
Golf: Abu Dhabi, Shane Lowry (Irlanda)

Golf: Abu Dhabi, Shane Lowry (Irlanda)

 
Calcio: Asian Cup 2019, giocatori del Giappone

Calcio: Asian Cup 2019, giocatori del Giappone

 
Tennis: Open d'Austrialia, Garbine Muguruza (Spa)

Tennis: Open d'Austrialia, Garbine Muguruza (Spa)

 
ROMA
Dakar: moto, a Price l'edizione del 2019

Dakar: moto, a Price l'edizione del 2019

 
ROMA
Biathlon: Vittozzi 2/a nella sprint

Biathlon: Vittozzi 2/a nella sprint

 
Rally Dakar, Toby Price su KTM percorre la nona tappa

Rally Dakar, Toby Price su KTM percorre la nona tappa

 

MILANO

Belinelli, Warriors sono Juve di Nba

Con Spurs forti motivazioni, Lakers non ancora da titolo

Belinelli, Warriors sono Juve di Nba

MILANO, 15 SET - "I Golden State Warriors nella Nba sono come la Juventus nel calcio. Sono la squadra da battere e sulla carta sono imbattibili, ma nello sport tutto può succedere". Così Marco Belinelli, a margine dell'apertura del nuovo Flagship Store Nike, in corso Vittorio Emanuele a Milano, pronto a cominciare la propria seconda avventura con San Antonio: "Sono tornato agli Spurs perché a San Antonio ho già vissuto due anni fantastici, vinto un titolo e avuto la possibilità di migliorare come giocatore. Spero di farlo ancora. Con la guida di Popovich potremo dire la nostra. Abbiamo tante motivazioni dentro". Belinelli considera Golden State la favorita: "Sulla carta non hanno rivali ma vediamo come torna Cousins e come riusciranno a far fronte alle partenze di McGee e Pachulia. A Est Boston è fortissima ma attenzione anche a Toronto, rafforzata da Leonard e Green. I Lakers non sono ancora da titolo, ma sono convinto che nei prossimi 4 anni vinceranno un anello perché Lebron è il più forte giocatore del pianeta".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400