Giovedì 15 Novembre 2018 | 20:42

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Valencia, il 'MotoGp Legend' a Pedrosa

Valencia, il 'MotoGp Legend' a Pedrosa

 
Malagò, 'questa non è riforma, è occupazione del Coni'

Malagò, 'questa non è riforma, è occupazione del Coni'

 
Londra: Tite, il ct della Nazionale brasiliana

Londra: Tite, il ct della Nazionale brasiliana

 
TORINO
Juve: Bernardeschi e Mandzukic fermi

Juve: Bernardeschi e Mandzukic fermi

 
TORINO
Allegri "Ci aspettano 9 match difficili"

Allegri "Ci aspettano 9 match difficili"

 
ROMA
Roma: cerimonia a Totti per Hall of Fame

Roma: cerimonia a Totti per Hall of Fame

 
ROMA
Rugby: Parisse rascia raduno Italia

Rugby: Parisse rascia raduno Italia

 
ROMA
Moto:Rossi, capiamo se siamo competitivi

Moto:Rossi, capiamo se siamo competitivi

 
NAPOLI
Napoli: Callejon, sogno lo scudetto

Napoli: Callejon, sogno lo scudetto

 
ROMA
Atp finals, prima vittoria Thiem

Atp finals, prima vittoria Thiem

 
ROMA
Italrugby cambia estremo per l'Australia

Italrugby cambia estremo per l'Australia

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

MILANO

Belinelli, Warriors sono Juve di Nba

Con Spurs forti motivazioni, Lakers non ancora da titolo

Belinelli, Warriors sono Juve di Nba

MILANO, 15 SET - "I Golden State Warriors nella Nba sono come la Juventus nel calcio. Sono la squadra da battere e sulla carta sono imbattibili, ma nello sport tutto può succedere". Così Marco Belinelli, a margine dell'apertura del nuovo Flagship Store Nike, in corso Vittorio Emanuele a Milano, pronto a cominciare la propria seconda avventura con San Antonio: "Sono tornato agli Spurs perché a San Antonio ho già vissuto due anni fantastici, vinto un titolo e avuto la possibilità di migliorare come giocatore. Spero di farlo ancora. Con la guida di Popovich potremo dire la nostra. Abbiamo tante motivazioni dentro". Belinelli considera Golden State la favorita: "Sulla carta non hanno rivali ma vediamo come torna Cousins e come riusciranno a far fronte alle partenze di McGee e Pachulia. A Est Boston è fortissima ma attenzione anche a Toronto, rafforzata da Leonard e Green. I Lakers non sono ancora da titolo, ma sono convinto che nei prossimi 4 anni vinceranno un anello perché Lebron è il più forte giocatore del pianeta".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400