Martedì 13 Novembre 2018 | 23:03

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Sport: a.d. Ente britannico si dimette

Sport: a.d. Ente britannico si dimette

 
ROMA
Ufficiale, Solari resta tecnico del Real

Ufficiale, Solari resta tecnico del Real

 
ROMA
Coni: Malagò, ragionamenti vanno avanti

Coni: Malagò, ragionamenti vanno avanti

 
ROMA
Il Csi rilancia 'S-Factor' a Roma

Il Csi rilancia 'S-Factor' a Roma

 
UDINE
L'Udinese esonera Velazquez

L'Udinese esonera Velazquez

 
MILANO
Lega A, vergogna aggressione arbitro

Lega A, vergogna aggressione arbitro

 
ROMA
Chievo, Ventura "Basta menzogne"

Chievo, Ventura "Basta menzogne"

 
ROMA
Atp Finals, Anderson travolge Nishikori

Atp Finals, Anderson travolge Nishikori

 
MILANO
Preziosi: Juric? Si riscatti nel derby

Preziosi: Juric? Si riscatti nel derby

 
MILANO
Skriniar, ko con Inter può farci bene

Skriniar, ko con Inter può farci bene

 
ROMA
Moto: fine collaborazione Stoner-Ducati

Moto: fine collaborazione Stoner-Ducati

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

MILANO

Cairo, bene più italiani in campo

Servono centri formazione e migliorare qualità allenatori vivai

Cairo, bene più italiani in campo

MILANO, 12 SET - "Far giocare di più gli italiani è una cosa che si dice e che va fatta. Ma tutto dipende dagli allenatori, che hanno l'obiettivo di vincere le partite e ottenere i loro risultati. Resta tutto molto complicato e articolato". Così il presidente del Torino Urbano Cairo a proposito delle parole del ct azzurro Roberto Mancini, che giorni fa si era detto preoccupato per lo scarso spazio ottenuto dai giovani italiani nelle squadre di Serie A. "Sicuramente -ha aggiunto Cairo- dovremo cercar di dare più spazio ai giovani italiani, le seconde squadre potrebbero essere un modo, e poi guardare come hanno fatto gli altri paesi in cui le cose stanno andando meglio tipo il Belgio e la Francia. Poi ci vorrebbero più centri di formazione e secondo me la cosa importante è puntare moltissimo sul miglioramento degli istruttori italiani, quello è fondamentale, ovviamente si pensa agli allenatori delle prime squadre ma forse oggi è importante pensare a chi allena i bambini a 14 anni, è lì che si formano i ragazzini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400