Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 02:22

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Gattuso,se Higuain via non ci resto male

Gattuso,se Higuain via non ci resto male

 
ROMA
Dakar: tappa 8 a Walkner, Price è leader

Dakar: tappa 8 a Walkner, Price è leader

 
ROMA
Razzismo:Giorgetti,giocatore sia esempio

Razzismo:Giorgetti,giocatore sia esempio

 
MILANO
Gattuso,Arabia?10 e lode in accoglienza

Gattuso,Arabia?10 e lode in accoglienza

 
MILANO
Gattuso,da capire cosa vuol fare Higuain

Gattuso,da capire cosa vuol fare Higuain

 
TORINO
Allegri 'Supercoppa è gara secca'

Allegri 'Supercoppa è gara secca'

 
LONDRA
Tottenham, Kane starà fuori fino a marzo

Tottenham, Kane starà fuori fino a marzo

 
Tennis: Open d'Australia, Novak Djokovic (Serbia)

Tennis: Open d'Australia, Novak Djokovic (Serbia)

 
ROMA
Atletica: Team Vaticano subito su podio

Atletica: Team Vaticano subito su podio

 
ROMA
Tennis: Open Australia, Serena Williams in azione

Tennis: Open Australia, Serena Williams in azione

 
San Vigilio
Sci: Coppa del Mondo, Shiffrin vince gigante San Vigilio

Sci: Coppa del Mondo, Shiffrin vince gigante San Vigilio

 

MILANO

Cairo, bene più italiani in campo

Servono centri formazione e migliorare qualità allenatori vivai

Cairo, bene più italiani in campo

MILANO, 12 SET - "Far giocare di più gli italiani è una cosa che si dice e che va fatta. Ma tutto dipende dagli allenatori, che hanno l'obiettivo di vincere le partite e ottenere i loro risultati. Resta tutto molto complicato e articolato". Così il presidente del Torino Urbano Cairo a proposito delle parole del ct azzurro Roberto Mancini, che giorni fa si era detto preoccupato per lo scarso spazio ottenuto dai giovani italiani nelle squadre di Serie A. "Sicuramente -ha aggiunto Cairo- dovremo cercar di dare più spazio ai giovani italiani, le seconde squadre potrebbero essere un modo, e poi guardare come hanno fatto gli altri paesi in cui le cose stanno andando meglio tipo il Belgio e la Francia. Poi ci vorrebbero più centri di formazione e secondo me la cosa importante è puntare moltissimo sul miglioramento degli istruttori italiani, quello è fondamentale, ovviamente si pensa agli allenatori delle prime squadre ma forse oggi è importante pensare a chi allena i bambini a 14 anni, è lì che si formano i ragazzini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400