Martedì 23 Ottobre 2018 | 20:11

NEWS DALLA SEZIONE

MILANO
Spalletti, sfruttiamo onda derby

Spalletti, sfruttiamo onda derby

 
PARIGI
Champions: Ancelotti, siamo fiduciosi

Champions: Ancelotti, siamo fiduciosi

 
MILANO
Giochi '26: Sala, cabina regia a Milano

Giochi '26: Sala, cabina regia a Milano

 
Lotta: Mondiali, l'azzurra Caneva contro Zhumanazarova

Lotta: Mondiali, l'azzurra Caneva contro Zhumanazarova

 
Mondiali di Lotta: il cubano Castillo contro il moldavo Sava

Mondiali di Lotta: il cubano Castillo contro il moldavo Sava

 
Mondiali: la presa dell'ungherese Szmolka contro la Ochirbat

Mondiali: la presa dell'ungherese Szmolka contro la Ochirbat

 
MONZA
Calcio: Brocchi al Monza, stima di Berlusconi è guadagnata

Calcio: Brocchi al Monza, stima di Berlusconi è guadagnata

 
ROMA
Basket: Nba, terzo ko di fila per i Lakers di Lebron James

Basket: Nba, terzo ko di fila per i Lakers di Lebron James

 
ROMA
Chievo: Campedelli difende Ventura

Chievo: Campedelli difende Ventura

 
ROMA
Tennis: Wta Finals Singapore, Wozniacki batte Kvitova

Tennis: Wta Finals Singapore, Wozniacki batte Kvitova

 
ROMA
Tennis: Wta Finals Singapore, Kvitova in azione

Tennis: Wta Finals Singapore, Kvitova in azione

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

SAN PAOLO

F1: Barrichello, sono guarito da tumore

F1: Barrichello, sono guarito da tumore

SAN PAOLO, 17 APR - "Ho avuto un tumore, mi è stato rimosso e quando sono uscito dall'ospedale mi è stato detto che solo il 14% delle persone che ne ha avuti di questo tipo non ha ricadute. Sono un uomo fortunato". La confessione è di Rubens Barrichello fatta in un programma di TvGlobo, quando l'ex pilota di F1 ha mostrato una vistosa cicatrice sul collo. La scoperta della malattia risale allo scorso febbraio. "Ero a casa e mi stavo facendo una doccia - ha raccontato Barrichello -, quando mi è venuto un dolore molto forte alla testa. Mi sono sdraiato a terra perché non volevo svegliare nessuno, però il dolore era troppo forte. Ho capito che era una cosa seria, bisognava andare in ospedale: grazie a Dio mia moglie Silvana era a casa e insieme abbiamo deciso di chiamare un amico medico. Lui ha capito subito che non stavo bene Quando sono arrivato, hanno messo un catetere nell'inguine e la vena si era chiusa. Quando ho lasciato l'ospedale, mi è stato detto che solo il 14% delle persone va via bene come è capitato a me". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400