Domenica 19 Maggio 2019 | 09:09

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 
GdM.TVL'iniziativa
Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresca dei Maschi

Bari, GVM accende la cupola di Santa Teresa dei Maschi

 
TarantoLungo i viali
Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

 
FoggiaNel foggiano
Cagnano Varano, cc ferito dimesso: «Tornerò a lavorare in ricordo collega ucciso»

Cagnano Varano, dimesso collega carabiniere ucciso: «Tornerò a lavorare»

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 
HomeLa visita del ministro
Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud

Bonisoli a Lecce e a Matera: «Nostro compito è evitare fuga ragazzi dal Sud»

 
HomeMagnitudo 2
Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

Piccola scossa di terremoto tra Barletta e Foggia: nessun danno

 

i più letti

Argentina:sassi su sede Federcalcio

(ANSA) - BUENOS AIRES, 5 AGO - Un centinaio di persone hanno attaccato a colpi di pietre e bombe carta la sede dell'Afa, la Federcalcio argentina, a Buenos Aires. Gli assalitori, scesi da 2 pullman, hanno anche agitato cartelli in cui si definiva 'ladro' il presidente dell'organismo Julio Grondona. L'attacco e' avvenuto a poche ore da una...
Argentina:sassi su sede Federcalcio
(ANSA) - BUENOS AIRES, 5 AGO - Un centinaio di persone hanno attaccato a colpi di pietre e bombe carta la sede dell'Afa, la Federcalcio argentina, a Buenos Aires.
Gli assalitori, scesi da 2 pullman, hanno anche agitato cartelli in cui si definiva 'ladro' il presidente dell'organismo Julio Grondona.
L'attacco e' avvenuto a poche ore da una riunione tra Grondona e il responsabile del Fisco Ricardo Echegaray, nel tentativo di trovare una soluzione all'indebitamento dei club, per consentire l'avvio del campionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400