Domenica 26 Settembre 2021 | 06:18

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Global Citizen, ovazione al Central Park per Harry e Meghan

Global Citizen, ovazione al Central Park per Harry e Meghan

 
NEW YORK
Harry e Meghan all'Onu, incontro con Guterres

Harry e Meghan all'Onu, incontro con Guterres

 
PARIGI
Francia: presidenziali, niente primarie per i Républicains

Francia: presidenziali, niente primarie per i Républicains

 
ALGHERO
Puigdemont, torneremo ad Alghero da Repubblica libera

Puigdemont, torneremo ad Alghero da Repubblica libera

 
TUNISI
Tunisia: media, in piazza sostenitori del presidente Saied

Tunisia: media, in piazza sostenitori del presidente Saied

 
WASHINGTON
Usa 2020: riconteggio dei voti, beffa per Trump in Arizona

Usa 2020: riconteggio dei voti, beffa per Trump in Arizona

 
ROMA
Gb: crisi trasporti, verso visti temporanei a camionisti

Gb: crisi trasporti, verso visti temporanei a camionisti

 
ISOLA DI PALMA
Eruzione vulcanica alle Canarie, chiuso aeroporto di Palma

Eruzione vulcanica alle Canarie, chiuso aeroporto di Palma

 
ALGHERO
Puigdemont, 'sto bene, ad Alghero sono come a casa'

Puigdemont, 'sto bene, ad Alghero sono come a casa'

 
TUNISI
Covid:da Gruppo San Donato altri 20mila lt ossigeno a Tunisi

Covid:da Gruppo San Donato altri 20mila lt ossigeno a Tunisi

 
PECHINO
Huawei: portavoce Cina, 'bentornata a casa Meng Wanzhou'

Huawei: portavoce Cina, 'bentornata a casa Meng Wanzhou'

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il Papa a Lourdes

In occasione del 150esimo anniversario della definizione dogmatica dell'«Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria»
LOURDES - Giovanni Paolo II è atterrato all'aeroporto di Tarbes alle 11 circa.
E' la settima volta che il pontefice tocca il suolo francese, la sua seconda visita a Lourdes. Lasciato l'aeroporto di Ciampino alle 9.20, l'ottantaquattrenne pontefice è giunto a Lourdes dopo meno di due ore di volo. Ad attendere Giovanni Paolo II c'erano il presidente della Repubblica francese Jacques Chirac, il Nunzio Apostolico in Francia, mons. Fortunato Baldelli e il vescovo di Tarbes e Lourdes, mons. Jacques Perrier.

«Benedico il Signore che mi permette di fare ritorno ancora una volta in questa amata terra di Francia». E' quanto ha detto Giovanni Paolo II nel suo messaggio di saluto al presidente della Repubblica francese, Jacques Chirac, nella cerimonia di benvenuto.
«Intendo unirmi con intimo trasporto - ha detto il Papa - ai milioni di pellegrini che da ogni parte del mondo giungono ogni anno a Lourdes, per affidare alla Madre del Signore le intenzioni che portano nel cuore e chiedere il suo aiuto e la sua intercessione».
La Chiesa cattolica desidera offrire alla società «un suo specifico contributo nell'edificazione di un mondo in cui i grandi ideali di libertà, di uguaglianza e di fraternità possono costruire la base del vivere sociale, nella ricerca e nella promozione instancabile del bene comune». Così Giovanni Paolo II - apparso in forma discreta dopo il viaggio dall'Italia, anche se con una voce a
tratti affaticata - ha concluso il suo intervento di saluto al presidente francese Jacques Chirac.
Un saluto che ha fatto riferimento ai tre pilastri della Repubblica francese, libertà, uguaglianza e fraternità: affido questi auspici all'intercessione della giovane Bernadette Soubirous, umile figlia delle campagne della Bigorre, e imploro su questo paese, per il materno intervento della Vergine Maria, le più elette benedizioni di Dio, segno di un presente e di un futuro di prosperità e di pace» Giovanni Paolo II ha ricordato che il motivo della sua visita è la celebrazione del 150mo anniversario della definizione dogmatica dell'«Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria».


Intanto, risulta moderato per ora l'afflusso dei pellegrini a Lourdes, dove si attendono dalle 3 alle 400.000 presenze in occasione della visita papale.
Stamattina nessun ingorgo è stato rilevato.
Già da mercoledì sera infatti, spiegano i responsabili della gendarmeria, un numero consistente di pellegrini è giunto nella cittadina mariana, e un'altra grande ondata è attesa nelle prossime ore, con «un picco previsto tra le 3 e le 5 della notte tra sabato e domenica per la messa di domani», ha spiegato il capitano Tissier.
Le condizioni metereologiche piuttosto miti escludono il pericolo di ipertermia nei fedeli che accorreranno, ma pompieri e soccorritori sono pronti a intervenire in caso di infarti o crisi d'insufficienza cardiaca, rischio esistente in persone già malate e sottoposte a stress.
Sono mobilitati 290 pompieri e 60 veicoli, 60 persone tra medici e infermieri e 400 soccorritori.
Non si temono invece incidenti: «in generale, gli assembramenti religiosi non generano incidenti violenti. La folla - chiarisce un ufficiale dei pompieri - costituita per gran parte da persone anziane ma anche da giovani scout disciplinati, è pacifica».
Presenti per seguire il Papa anche un migliaio di giornalisti, provenienti da tutta Europa ma anche da Cina, Giappone, Libano, Ucraina, Stati Uniti, Messico e Perù, per un totale di 22 nazionalità rappresentate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie