Lunedì 20 Settembre 2021 | 11:33

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Giornata pace: Guterres, 24 ore di cessate il fuoco globale

Giornata pace: Guterres, 24 ore di cessate il fuoco globale

 
ROMA
Gabby, trovato un corpo in una foresta del Wyoming

Gabby, trovato un corpo in una foresta del Wyoming

 
ROMA
Sudafrica: sciame api uccide 63 pinguini in via d'estinzione

Sudafrica: sciame api uccide 63 pinguini in via d'estinzione

 
MOSCA
Russia: Depardieu vota, 'c'è democrazia, ammiro Putin'

Russia: Depardieu vota, 'c'è democrazia, ammiro Putin'

 
ROMA
Covid: India pensa di riaprire al turismo dopo anno e mezzo

Covid: India pensa di riaprire al turismo dopo anno e mezzo

 
ROMA
Bottiglia con messaggio ritrovata 37 anni dopo alle Hawaii

Bottiglia con messaggio ritrovata 37 anni dopo alle Hawaii

 
PARIGI
Funambolo percorre 600m sopra la Senna dalla Torre Eiffel

Funambolo percorre 600m sopra la Senna dalla Torre Eiffel

 
ROMA
Filippine: famoso pugile Pacquiao si candiderà a presidenza

Filippine: famoso pugile Pacquiao si candiderà a presidenza

 
WASHINGTON
'Cia segnalò presenza bimbi poco prima di raid Usa a Kabul'

'Cia segnalò presenza bimbi poco prima di raid Usa a Kabul'

 
ROMA
Pakistan: ferita e violentata bimba cristiana di 10 anni

Pakistan: ferita e violentata bimba cristiana di 10 anni

 
ROMA
In Inghilterra in arrivo 1,5 milioni di inviti per terza dose

In Inghilterra in arrivo 1,5 milioni di inviti per terza dose

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

GB - Sì a clonazione terapeutica

I ricercatori useranno embrioni umani per estrarne cellule staminali da utilizzare contro malattie incurabili • «Bioeticamente inaccettabile» • Le norme in Italia
LONDRA - L'autorità britannica per l'embriologia e la fecondazione umana (Hfea) ha concesso a un gruppo di ricercatori dell'università di Newcastle il primo permesso per clonare embrioni umani a fini terapeutici. E' quanto ha annunciato oggi un portavoce dell'università.
I ricercatori, guidati dal dottor Miodrag Stojkovic - responsabile dell'istituto per la genetica umana dell'università di Newcastle - prevedono di clonare embrioni umani per estrarne cellule staminali da utilizzare in nuovi trattamenti contro malattie incurabili.
Inizialmente, questa tecnica dovrebbe essere applicata per trovare una cura contro il diabete. Gli embrioni, secondo le disposizioni della Hfea, verranno distrutti prima che compiano il 14/mo giorno di età e comunque non potranno svilupparsi oltre un minuscolo agglomerato di cellule.
Quanto ai tempi previsti per l'avvio degli esperimenti, Stojkovic ha affermato oggi che il lavoro comincerà non appena tutti i necessari documenti saranno pronti: «C'è voluto un anno di lavoro - ha affermato - e sono felice che la Hfea abbia riconosciuto il potenziale di questa tecnologia nella medicina moderna».

Soddisfatti gli scienziati
«E' una decisione storica». Gli scienziati britannici autorizzati alla clonazione di embrioni umani a fini terapeutici, incassano con soddisfazione il via libera dell'Autorità britannica per la fecondazione umana ed embriologia. Ma avvertono, cauti, che ci vorranno almeno cinque anni anche di più per le applicazioni sui pazienti delle terapie con le cellule staminali frutto delle loro ricerche. Gli esperimenti saranno condotti all'International Center for Life di Newcastle, coinvolgendo gli esperti dell'Istituto di genetica umana dell'Università della cittadina inglese e del Centro di fecondazione di Newcastle.
Per gli scienziati, questo è il primo via libera in Europa alla clonazione terapeutica. La tecnica è la stessa utilizzata per clonare la pecora Dolly, ma è diversa da quella usata per la creazione di esseri umani, la cosiddetta clonazione riproduttiva.
«Le potenzialità di quest'area di ricerca - commenta Alison Murdoch, del Newcastle NHS Fertility Centre e ccordinatrice degli esperimenti - sono immense ed eccitanti. Ci permetterà di capire molto sulla genesi di numerose malattie e adesso potremo passare al livello successivo dei nostri studi».
Da quando hanno presentato la loro richiesta di autorizzazione, gli scienziati hanno ricevuto numerose dichiarazioni di sostegno da colleghi di tutto il mondo, «ma anche - riferisce Murdoch - lettere di pazienti che ripongono tante speranze nella clonazione terapeutica e un giorno potranno beneficiarne».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie