Giovedì 23 Settembre 2021 | 22:41

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Afghanistan: la paura delle pallavoliste, 'aiutateci a fuggire'

Afghanistan: la paura delle pallavoliste, 'aiutateci a fuggire'

 
PARIGI
Francia: Carlos condannato di nuovo all'ergastolo

Francia: Carlos condannato di nuovo all'ergastolo

 
STOCCOLMA
Nobel 2021 sarà assegnato nei Paesi dei vincitori

Nobel 2021 sarà assegnato nei Paesi dei vincitori

 
MADRID
Eruzione Canarie: sepolti altri 30 edifici e 14 ettari

Eruzione Canarie: sepolti altri 30 edifici e 14 ettari

 
BRUXELLES
Sottomarini:Ue,ancora non abbiamo deciso su summit con Usa

Sottomarini:Ue,ancora non abbiamo deciso su summit con Usa

 
PARIGI
Francia: richiesta nuova condanna all'ergastolo per Carlos

Francia: richiesta nuova condanna all'ergastolo per Carlos

 
NEW YORK
'Trattamento disumano migranti', lascia inviato Usa a Haiti

'Trattamento disumano migranti', lascia inviato Usa a Haiti

 
ROMA
Covid: ad Moderna, la pandemia finirà tra un anno

Covid: ad Moderna, la pandemia finirà tra un anno

 
ROMA
Bild, ennesimo massacro di balene alle Isole Faroe

Bild, ennesimo massacro di balene alle Isole Faroe

 
ROMA
Iran, progressi significativi in colloqui con Arabia Saudita

Iran, progressi significativi in colloqui con Arabia Saudita

 
PECHINO
Taiwan, a rischio adesione nell'ex TPP se Cina entra prima

Taiwan, a rischio adesione nell'ex TPP se Cina entra prima

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Usa: «Via i civili da Najaf»

NAJAF (IRAQ) - L'esercito americano ha invitato i civili iracheni a evacuare al più presto la zona dei combattimenti a Najaf e intimato ai miliziani sciiti di lasciare la città santa, dove i combattimenti divampano anche oggi, per il sesto giorno consecutivo. Lo ha detto un corrispondente dell'Afp. Humvee stanno circolando per la città e gli americani chiedono con megafoni alla popolazione di evacuare senza indugi la zona dei combattimenti tra i miliziani di Moqtada Sadr e i poliziotti iracheni.
E'da stamattina che i combattimenti fra le milizie del leader estremista sciita Moqtada Sadr e le truppe americane sono ripresi con violenza, per il sesto giorno consecutivo, a Najaf, la città santa sciita a Sud di Baghdad. Lo hanno constatato giornalisti di agenzie d'informazione internazionali.
I testimoni hanno detto che dalla zona del grande cimitero della città, dove si sono attestate le milizie dell'Esercito del Mahdi, risuonano colpi di cannone, di mortaio e raffiche di armi automatiche. Un giornalista della Reuters ha detto che aerei da combattimento americani sorvolano la zona, da dove si innalzano colonne di fumo.
I combattimenti sono iniziati verso le 8.00 locali (le 6.00 in Italia) dopo che per tutta la notte si sono sono uditi spari sporadici. Ieri Moqtada Sadr aveva proclamato che lotterà «fino all'ultima goccia di sangue» contro le forze di occupazione americane.
Il premier del governo ad interim iracheno Iyad Allawi, nel corso di una visita a sorpresa a Najaf, ieri ha respinto qualsiasi ipotesi di tregua con le milizie di Sadr. Iraq - Ancora scontri a Najaf BAGHDAD/BEIRUT - Dopo sei giorni consecutivi di scontri, nella città santa di Najaf sembra avvicinarsi il momento della battaglia decisiva: l'esercito americano ha oggi invitato i civili ad evacuare al più presto la zona dei combattimenti e, dopo aver stretto ulteriormente l'assedio nelle aree dove si sono asserragliati i guerriglieri sciiti, ha fatto intervenire l'aviazione che ha iniziato a bombardare.
Allo stesso tempo, si è continuato a sparare anche a Baghdad, in particolare nel quartiere sciita di Sadr City, nonostante il coprifuoco decretato ieri, a Bassora e a Samawa, dove la base del contingente giapponese è stata raggiunta da quattro colpi di mortaio. E anche la crisi degli ostaggi segna un nuova impennata: dopo il rilascio di un uomo d'affari libanese, nel pomeriggio in internet è stato diffuso un filmato video in cui si vedono degli uomini mascherati gettare a terra un ostaggio e decapitarlo con un coltello. Sembra si tratti di Mohammed Mutawalli, definito dai suoi rapitori «una spia egiziana», mentre il filmato è ancora una volta firmato dal gruppo islamico Tawhid e Jihad, considerato alleato di Al Qaida.
A Najaf i combattimenti sono ripresi in mattinata, dopo poche ore di calma relativa. Poco dopo, diverse Humvee americane hanno iniziato a girare per la città diffondendo con i megafoni la richiesta degli americani alla popolazione di evacuare senza indugi la zona dei combattimenti tra i miliziani di Moqtada Sadr e le forze di sicurezza. Nel primo pomeriggio sono poi entrati in azione i carri armati, gli elicotteri da combattimento e gli aerei da guerra, che hanno martellato in particolare la zona del grande cimitero, rifugio dei guerriglieri sciiti sin dal primo giorno di scontri, e la zona del mausoleo dell'imam Ali, uno dei massimi luoghi santi per gli sciiti.
Al calar della sera, da molte zone della città si alzavano alte colonne di fumo, mentre era in aumento l'intensità dei combattimenti.
Al momento non si ha un bilancio dei morti e dei feriti. Le ultime cifre fornite dalle forze Usa - 360 guerriglieri uccisi - risalgono a ieri.
A Baghdad, invece, il ministero della sanità ha fatto sapere nel pomeriggio che in 24 ore si sono registrati dieci morti e oltre 100 feriti.
Per rispondere alle accuse di fornire armi ai guerriglieri sciiti rivolte dal ministro della difesa iracheno all'Iran, Teheran ha intanto oggi ufficialmente invitato il premier iracheno Iyad Allawi a Teheran. Si tratta di «un invito scritto», ha fatto sapere il ministro degli esteri iraniano Kamal Kharrazi, esprimendo contrarietà per le accuse.
La tensione tra Iran e Iraq era ulteriormente salita negli ultimi giorni anche a causa della vicenda di Ahmad Chalabi, l'ex eponente del Consiglio provvisorio e presidente del Congresso nazionale iracheno, colpito da mandato di cattura per riciclaggio e contraffazione di denaro mentre si trovava a Teheran, dove rimane tuttora. Chalabi ha però oggi ribadito la sua intenzione di tornare a Baghdad, senza tuttavia precisare quando.
Per quel che riguarda la produzione petrolifera, oggi un funzionario governativo ha fatto sapere che le esportazioni sono state riprese, seppur a ritmo ridotto. Ieri, la notizia dell'interruzione del pompaggio negli impianti del Sud aveva causato un'ennesima impennata dei prezzi del greggio sui mercati internazionali, e così oggi le autorità si sono affrettate a precisare che un sabotaggio ad uno dei due oleodotti che portano il greggio dai giacimenti meridionali a due terminali offshore nel Golfo ha creato seri problemi, ma l'esportazione di petrolio continua, seppur ridotta da 1,9 a 1,1 milioni di barili al giorno.
I due terminali nelle acque del Golfo, a Sud di Bassora, sono di fatto l'unica via per le esportazioni di greggio iracheno, poichè l'oleodotto del Nord, che porta il petrolio dai giacimenti di Kirkuk a un terminale sulla costa mediterranea turca, è quasi sempre fuori uso per i continui sabotaggi.
Stefano de Paolis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie