Domenica 26 Settembre 2021 | 23:32

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Aiea, Iran nega accesso 'indispensabile' a un sito nucleare

Aiea, Iran nega accesso 'indispensabile' a un sito nucleare

 
BERLINO
L'Spd rivendica la cancelleria per Scholz

L'Spd rivendica la cancelleria per Scholz

 
BERLINO
Germania: exit poll Zdf, Spd avanti al 26%, Unione al 24%

Germania: exit poll Zdf, Spd avanti al 26%, Unione al 24%

 
Exit poll Germania, testa a testa Scholz-Laschet

Exit poll Germania, testa a testa Scholz-Laschet

 
ROMA
Vestiti colorati contro i Talebani, campagna social donne afgane

Vestiti colorati contro i Talebani, campagna social donne afgane

 
REYKJAVIK
In Islanda nuovo parlamento composto da maggioranza donne

In Islanda nuovo parlamento composto da maggioranza donne

 
BERLINO
Germania: Baerbock vota, più voti ai Verdi per svolta Paese

Germania: Baerbock vota, più voti ai Verdi per svolta Paese

 
ROMA
Di Maio, il G20 sull'Afghanistan nelle prossime settimane

Di Maio, il G20 sull'Afghanistan nelle prossime settimane

 
CALCUTTA
India: arriva il ciclone Gulab, decine di migliaia evacuati

India: arriva il ciclone Gulab, decine di migliaia evacuati

 
ROMA
Ruanda: Bagosora il 're del genocidio' muore in carcere

Ruanda: Bagosora il 're del genocidio' muore in carcere

 
TEL AVIV
Almeno 4 palestinesi uccisi da esercito Israele

Almeno 4 palestinesi uccisi da esercito Israele

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Nassiryia, è tregua con i miliziani

Dopo una giornata di intensi combattimenti, la richiesta arriva dagli stessi sciiti. Gli accordi intercorsi prevedono il completo ritiro dei miliziani dalla città, mentre gli italiani rimarranno a presidio della zona sud di Nassiriya, consentendo alla polizia di riprendere la propria attività istituzionale di controllo della città
ROMA - I miliziani sciiti stanno lasciando Nassiriya, in seguito agli accordi raggiunti con il governatore della provincia di Dhi Qar ed i leader dei guerriglieri di al Sadr. Lo si apprende da fonti del comando italiano.
Alle trattative era presente anche il comandante del contingente italiano, generale Corrado Dalzini.
L'accordo prevede che il dispositivo del contingente italiano arretri consentendo l'uscita dei miliziani dalla città.
I militari della Brigata Pozzuolo del Friuli restano comunque nei punti cruciali a monitorare il ritiro, mantenendo il controllo di Nassiriya.

Raggiunto quindi l'accordo per il cessate il fuoco a Nassiriya. Dopo due giorni di scontri armati il generale Corrado Dalzini, comandante della brigata Pozzuolo del Friuli e i rappresentanti dei miliziani fedeli a Moqtada Al Sadr hanno raggiunto un'intesa per la fine delle ostilità. Alla mediazione ha preso parte il governatore della provincia di Dhi Qar, Sabri Hamid al Rumayed. In base all'accordo, i militari italiani si allontaneranno temporaneamente dalla zona di «contatto», intorno ai ponti sull'Eufrate, per permettere ai miliziani armati di lasciare la città.
In un primo momento i miliziani avevano chiesto un ritiro completo da Nassiriya da parte dei militari italiani, proposta ovviamente non accettata. Si è arrivati così ad un'intesa che prevede l'attestamento degli italiani su una linea leggermente più lontana dall'area degli scontri in modo da permettere l'abbandono della città da parte degli uomini fedeli a Moqtada Al Sadr.
«Siamo molto soddisfatti per il cessate il fuoco dopo tutti questi scontri a fuoco e i colpi di mortaio lanciati contro i militari italiani. Si tratta - dice il capitano Ettore Sarli, portavoce del contingente italiano - di un risultato che premia la linea d'azione sempre mantenuta in questa fase di tensione, improntata ad una fermezza coerente pur nella massima apertura al dialogo. L'intervento dei nostri militari è stato efficace, proporzionale, selettivo ed ha rispettato le procedure previste».
«La soddisfazione -continua Sarli- deriva anche dal fatto che non lamentiamo militari feriti dopo tutti questi conflitti a fuoco. Tutti i militari impegnati -continua il capitano Sarli- dai Lagunari ai Carabinieri della Msu, dai Bersaglieri agli uomini della Cavalleria, hanno dimostrato in queste ore la loro professionalità e il loro alto livello di addestramento. Significativo è stato l'intervento dell'Aeronautica, che ha contribuito al monitoraggio dal cielo della situazione. A questo punto - conclude il portavoce del contingente - mi auguro che i miliziani di Al Sadr rispettino l'intesa concordata e lascino quanto prima la città».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie