Lunedì 27 Settembre 2021 | 17:30

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
'La Cia voleva rapire e assassinare Assange'

'La Cia voleva rapire e assassinare Assange'

 
ROMA
Afghanistan: i Talebani vietano il taglio delle barbe

Afghanistan: i Talebani vietano il taglio delle barbe

 
MADRID
Migranti: ancora sbarchi nel sud della Spagna

Migranti: ancora sbarchi nel sud della Spagna

 
BRUXELLES
Cpi concentra indagini su talebani in Afghanistan

Cpi concentra indagini su talebani in Afghanistan

 
MADRID
Puigdemont arrivato a Bruxelles

Puigdemont arrivato a Bruxelles

 
BERLINO
Germania: Linke entra nel Bundestag grazie ai 3 mandati diretti

Germania: Linke entra nel Bundestag grazie ai 3 mandati diretti

 
Corea Sud: Moon apre a divieto consumo carne di cane

Corea Sud: Moon apre a divieto consumo carne di cane

 
PARIGI
Francia: al via processo in appello a Sid-Ahmed Ghlam

Francia: al via processo in appello a Sid-Ahmed Ghlam

 
MOSCA
Lukashenko, Usa creano basi Nato mascherate in Ucraina

Lukashenko, Usa creano basi Nato mascherate in Ucraina

 
PECHINO
La Cina vara una stretta sugli aborti

La Cina vara una stretta sugli aborti

 
ROMA
Terremoti: Grecia, scossa di magnitudo 6.1 a Creta

Terremoti: Grecia, scossa di magnitudo 6.1 a Creta

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Torture in Iraq - Scandalo fra i militari danesi

Richiamati a Copenhagen dal ministro della difesa i comandanti del contingente, che è di circa 500 uomini
• Iniziato davanti al tribunale militare in Usa il processo all'aguzzina del carcere di Abu Ghraib (nella foto)
COPENHAGEN - Un nuovo scandalo a proposito di presunte sevizie inflitte in Iraq da soldati alleati ai loro prigionieri è scoppiato nell'ambito della coalizione guidata dagli Usa, e questa volta riguarda la Danimarca, pur nota per la tolleranza e la civiltà dei suoi costumi, che nel sud dell'Iraq mantiene truppe forti complessivamente di circa cinquecento uomini. La vicenda ha suscitato un tale scalpore a Copenhagen che il ministro della Difesa, Soren Gade, in televisione ha annunciato di aver dato ordine di rientrare immediatamente in patria ai vertici al completo del contingente: il comandante del battaglione che ne costituisce il fulcro, il capo della polizia militare, quello dei servizi militari d'informazione nonché il responsabile degli affari legali. Al loro posto saranno mandati sul teatro operativo nuovi ufficiali di pari grado. «Non esiste altra possibilità per salvaguardare il rispetto dovuto agli sforzi profusi dal nostro battaglione», ha commentato il capo di stato maggiore danese, generale Jesper Helso. Sotto inchiesta, comunque, oltre ai comandanti sono già finiti anche numerosi soldati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie