Domenica 19 Settembre 2021 | 11:23

NEWS DALLA SEZIONE

MOSCA
Navalny, 'non siate pigri, oggi il voto conta davvero'

Navalny, 'non siate pigri, oggi il voto conta davvero'

 
TEL AVIV
Israele: Bennett, 'fatto. Catturati tutti i 6 terroristi'

Israele: Bennett, 'fatto. Catturati tutti i 6 terroristi'

 
MELBOURNE
Melbourne verso fine lockdown se 80% vaccinati entro ottobre

Melbourne verso fine lockdown se 80% vaccinati entro ottobre

 
BUDAPEST
Ungheria: primarie opposizioni sospese per un guasto tecnico

Ungheria: primarie opposizioni sospese per un guasto tecnico

 
GERUSALEMME
Israele, catturati gli ultimi due detenuti palestinesi evasi

Israele, catturati gli ultimi due detenuti palestinesi evasi

 
WASHINGTON
SpaceX, rientrati sulla Terra i primi 4 turisti spaziali

SpaceX, rientrati sulla Terra i primi 4 turisti spaziali

 
WASHINGTON
Nyt, negoziati su sottomarini nascosti per mesi a Parigi

Nyt, negoziati su sottomarini nascosti per mesi a Parigi

 
WASHINGTON
Alta tensione a Washington, raduno destra a Capitol Hill

Alta tensione a Washington, raduno destra a Capitol Hill

 
TEHERAN
Iran: Khamenei, atleti non stringano la mano agli israeliani

Iran: Khamenei, atleti non stringano la mano agli israeliani

 
PARIGI
Covid: Francia, decimo sabato di cortei anti-green pass

Covid: Francia, decimo sabato di cortei anti-green pass

 
BUDAPEST
Ungheria: al via le primarie dell'opposizione per sfidare Orban

Ungheria: al via le primarie dell'opposizione per sfidare Orban

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Paraguay - 300 morti al supermercato

Il bilancio ufficiale della tragedia parla di 236 morti e 500 feriti. Ma secondo un portavoce del corpo volontario dei vigili del fuoco i morti sono almeno 300. Escluso l'attentato. I primi giornalisti giunti sul posto hanno parlato di «un tappeto di corpi carbonizzati» dando fin dal primo momento l'idea delle dimensioni del dramma
ASUNCION - Un incendio sprigionatosi a seguito di due successive esplosioni ha portato morte e distruzione oggi in un moderno supermercato di Asunción dove centinaia di persone trascorrevano la festa domenicale. Il bilancio ufficiale della tragedia parla di 236 morti e 500 feriti. Ma secondo un portavoce del corpo volontario dei vigili del fuoco i morti sono almeno 300.
Il supermercato, denominato «Botanico», è uno dei quattro che la catena «Ycuá Bolanos» possiede nella capitale paraguaiana, e si trova nel quartiere Santisima Trinidad.
A quanto si è appurato si è trattato di due scoppi ravvicinati, potentissimi, avvenuti verso le 12 (le 17 italiane), quando l'edificio era pieno di gente, almeno 700 persone, che passavano la domenica mangiando nei ristoranti dell'edifico del supermercato. Dopo le esplosioni sull'edificio si è levato una sorta di fungo di fumo nerastro.
Secondo «Canal 13» la tragedia ha assunto contorni inenarrabili quando centinaia di persone hanno cercato di riversarsi all'esterno ma hanno trovato tutte le uscite sprangate perché il proprietario, Juan Pio Paivá, temeva saccheggi. L'interessato ha smentito categoricamente di aver impartito un simile ordine, ed è poi scomparso perché il giudice Adolfo Marin ne ha disposto l'arresto.
Sulle origini degli scoppi ancora non esiste una versione ufficiale. In un primo momento le fonti giornalistiche hanno evocato la possibilità che siano saltate in aria alcune bombole di gas. Diversi media giornalistici non hanno comunque escluso la possibilità di un attentato, vista la successione ravvicinata delle esplosioni.
Al riguardo però il comandante dei vigili Enrique Onieva ha sostenuto che «non c'è stata alcuna autobomba», precisando che a suo avviso si è trattato di un veicolo che aveva una perdita di gas e che è scoppiato al contatto con le fiamme dell'incendio esistente.
I primi giornalisti giunti sul posto hanno parlato di «un tappeto di corpi carbonizzati» dando fin dal primo momento l'idea delle dimensioni del dramma. Il presidente della repubblica Nicanor Duarte Frutos si è recato sul luogo della tragedia per coordinare i soccorsi, disporre i primi provvedimenti governativi per far fronte all'emergenza e decretare tre giorni di lutto nazionale.
Scene strazianti si sono ripetute all'esterno del supermercato, dove sono arrivati in lacrime centinaia di parenti e amici di potenziali vittime, mentre decine di mezzi dei vigili del fuoco e dei diversi ospedali di Asunción hanno fatto la spola con il supermercato, che si sviluppava su tre piani.
Molte ore dopo gli scoppi si continuavano ad estrarre i cadaveri dall'edificio, mentre era ancora impossibile entrare nella zona dei ristoranti annessa al supermercato, per il pericolo di crolli e per l'enorme calore ancora persistente.
Il genio civile studiava a fine del pomeriggio un piano di emergenza per evitare un probabile crollo dell'intera struttura.
Infine, per facilitare il riconoscimento dei cadaveri da parte di familiari ed amici, il governo ha disposto il trasferimento delle vittime a bordo di autocarri dell'esercito nello stadio della ex cavalleria.
Maurizio Salvi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie