Domenica 19 Settembre 2021 | 02:15

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
SpaceX, rientrati sulla Terra i primi 4 turisti spaziali

SpaceX, rientrati sulla Terra i primi 4 turisti spaziali

 
WASHINGTON
Nyt, negoziati su sottomarini nascosti per mesi a Parigi

Nyt, negoziati su sottomarini nascosti per mesi a Parigi

 
WASHINGTON
Alta tensione a Washington, raduno destra a Capitol Hill

Alta tensione a Washington, raduno destra a Capitol Hill

 
TEHERAN
Iran: Khamenei, atleti non stringano la mano agli israeliani

Iran: Khamenei, atleti non stringano la mano agli israeliani

 
PARIGI
Covid: Francia, decimo sabato di cortei anti-green pass

Covid: Francia, decimo sabato di cortei anti-green pass

 
BUDAPEST
Ungheria: al via le primarie dell'opposizione per sfidare Orban

Ungheria: al via le primarie dell'opposizione per sfidare Orban

 
NEW YORK
Usa: ragazza scomparsa, sparito anche il fidanzato

Usa: ragazza scomparsa, sparito anche il fidanzato

 
JALALABAD
Afghanistan: diversi attentati a Jalalabad, almeno 2 morti

Afghanistan: diversi attentati a Jalalabad, almeno 2 morti

 
Macedonia Nord: a Tetovo proteste dopo strage ospedale

Macedonia Nord: a Tetovo proteste dopo strage ospedale

 
ROMA
Scontri tra polizia e manifestanti anti-lockdown a Melbourne

Scontri tra polizia e manifestanti anti-lockdown a Melbourne

 
PARIGI
Conclusa messa in sicurezza di Notre Dame, via al restauro

Conclusa messa in sicurezza di Notre Dame, via al restauro

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Iraq - Ancora attentati e rapimenti

Colpiti obiettivi militari, popolazione ed economia della nazione attraverso lo stillicidio dei rapimenti
• Nassiriya, giocattoli per i bimbi dai Lagunari
Iraq senza pace e, secondo il generale Tommy Franks, la situazione durerà ancora cinque anni. Anche oggi, infatti, continuano gli attacchi contro gli obiettivi militari, la popolazione e l'economia della nazione attraverso lo stillicidio dei rapimenti.
Per gli attentati a Falluja sono morti almeno otto iracheni, a seguito di bombardamenti e combattimenti avvenuti tra forze americane e insorti nella città ribelle sunnita ad ovest di Baghdad.
Un'autobomba, che è esplosa stamane a Mossul (Iraq settentrionale) davanti a un commissariato di polizia, ha causato la morte di cinque persone e il ferimento di altre 51.
Due iracheni sono stati e altre due feriti da una bomba che è esplosa stamane, in una strada nel centro di Baghdad, al passaggio di un convoglio militare americano.
E due uomini di affari libanesi sono stati rapiti ieri in Iraq in circostanze ancora poco chiare.
In tutto questa situazione gli italiani cercano di dare un contributo positivo. Infatti i Lagunari hanno distribuito giocattoli, materiale didattico e viveri ai bambini di Atwi Al Khalat, una località a tre chilometri a sud di An Nassiriya.

L'Iraq è destinato a convivere con la confusione ancora per molto tempo. Il termine realistico per ricomporre la situazione irachena dopo l'intervento militare americano nel Paese mediorientale e la caduta del regime di Saddam Hussein è quello di cinque anni: ossia un arco di tempo temporale ben più esteso rispetto a quanto previsto dalle strategie dell'Amministrazione di Washington.
Ad affermarlo, nel corso di una intervista a «Parade Magazine» è il generale Tommy Franks, l'uomo che ha guidato le truppe statunitensi intervenute in Iraq e Afghanistan.
Franks, che sostiene di non aver mai creduto che gli americani potessero uscire dal Paese nel giro di dodici mesi, individua in cinque anni la cornice temporale realistica poiché, osserva, «occorre tempo al fine di risolvere i problemi quando si parla di 26-26 milioni di persone» vissute in «un buco nero per 30 anni», Nel faccia a faccia con la rivista il generale, congedatosi nel luglio del 2003 all'età di 59 anni, si dichiara molto sorpreso del fatto che non siano state trovare armi di distruzione di massa («la ragione per la quale siamo entrati in guerra») anche perché, a suo dire, diversi leader arabi come Re Abdullah di Giordania e il presidente egiziano Hosni Mubarak lo avevano avvertito dell'esistenza di questi ordigni in terra irachena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie