Domenica 26 Settembre 2021 | 13:54

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Ruanda: Bagosora il 're del genocidio' muore in carcere

Ruanda: Bagosora il 're del genocidio' muore in carcere

 
TEL AVIV
Almeno 4 palestinesi uccisi da esercito Israele

Almeno 4 palestinesi uccisi da esercito Israele

 
BERLINO
Germania: aperti i seggi per le elezioni legislative

Germania: aperti i seggi per le elezioni legislative

 
WASHINGTON
Global Citizen, ovazione al Central Park per Harry e Meghan

Global Citizen, ovazione al Central Park per Harry e Meghan

 
NEW YORK
Harry e Meghan all'Onu, incontro con Guterres

Harry e Meghan all'Onu, incontro con Guterres

 
PARIGI
Francia: presidenziali, niente primarie per i Républicains

Francia: presidenziali, niente primarie per i Républicains

 
ALGHERO
Puigdemont, torneremo ad Alghero da Repubblica libera

Puigdemont, torneremo ad Alghero da Repubblica libera

 
TUNISI
Tunisia: media, in piazza sostenitori del presidente Saied

Tunisia: media, in piazza sostenitori del presidente Saied

 
WASHINGTON
Usa 2020: riconteggio dei voti, beffa per Trump in Arizona

Usa 2020: riconteggio dei voti, beffa per Trump in Arizona

 
ROMA
Gb: crisi trasporti, verso visti temporanei a camionisti

Gb: crisi trasporti, verso visti temporanei a camionisti

 
ISOLA DI PALMA
Eruzione vulcanica alle Canarie, chiuso aeroporto di Palma

Eruzione vulcanica alle Canarie, chiuso aeroporto di Palma

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

In Iraq il giorno più violento dal 30 giugno

Un'autobomba è esplosa ad Haditha uccidendo 10 persone; altre 7 sono morte nei combattimenti a Kerbala e Kirkuk. Attaccati i pozzi petroliferi • Minacce all'Italia su sito Al Qaeda
BAGHDAD - Una nuova giornata di sangue di Iraq, la più terribile dal giorno del passaggio dei poteri dalla coalizione al governo ad interim iracheno, avvenuto lo scorso 28 giugno. Il bilancio delle vittime, proprio nel giorno in cui il primo ministro Iyad Allawi ha annunciato la creazione di un nuovo servizio di sicurezza, è di 17 morti e decine di feriti.
Dieci persone, tra cui tre agenti delle forze di sicurezza irachene, sono morte ed altre 27, quaranta secondo altre fonti, sono rimaste ferite a seguito dell'esplosione di un'autobomba nei pressi della sede delle forze di sicurezza ad Haditha, 250 chilometri a nordovest di Baghdad. A causa dell'esplosione è stata danneggiata anche la stazione della città, il municipio e la sede di una banca.
ATTACCHI A KERBALA, KIRKUK ED AI POZZI DI PETROLIO, 7 MORTI E 3 FERITI
Tre kamikaze sono morti a Kerbala dopo il tentativo della polizia di intercettare un veicolo sospetto, nei pressi del quartier generale delle truppe bulgare. Altri due attentatori sono riusciti a fuggire prima dell'esplosione, che ha scatenato le proteste della popolazione. Circa un migliaio di iracheni è sceso in strada a Baghdad per manifestare contro il terrorismo e le azioni di Abu Musab al-Zarqawi e chiedere che a Saddam Hussein venga comminata la pena di morte.
Poco dopo l'attacco a Kerbala, un razzo lanciato sul tetto di un'abitazione a Kirkuk ha causato la morte di quattro persone ed il ferimento di altre tre. Un secondo razzo ha colpito una casa di fronte ad un'ex base militare dove vivono molti curdi. I ribelli sono anche tornati a colpire i pozzi di petrolio nel nord e nel sud del Paese, senza però riuscire ad ottenere il blocco delle esportazioni.
PREMIER ALLAWI ANNUNCIA CREAZIONE NUOVO SERVIZIO DI SICUREZZA
Ed è stata una nuova giornata di silenzio per quanto riguarda la sorte dell'ostaggio bulgaro, Georguei Kepov, il cui ultimatum è scaduto ieri notte. Un video ed un comunicato del gruppo dell'"Armata islamica in Iraq», che tiene in ostaggio l'ostaggio filippino Angelo de la Cruz, sono stati invece fatti avere all'emittente televisiva araba al-Jazeera. Nel primo de la Cruz rassicura i suoi familiari dicendo che verrà presto liberato, mentre nel secondo il gruppo annuncia che la liberazione dell'autista avverrà solo dopo che l'ultimo militare filippino avrà lasciato il Paese. Attraverso il comunicato i rapitori hanno anche prolungato l'ultimatum per il ritiro delle truppe di Manila dal Paese arabo fino alla fine del mese.
In questa ennesima giornata di violenza, il premier ad interim iracheno, Iyad Allawi, ha promesso che sconfiggerà il terrorismo nel Paese, ed ha annunciato la creazione di un nuovo servizio di sicurezza. «La "Direzione generale per la sicurezza", annienterà quei gruppi terroristici», ha affermato Allawi nel corso di una conferenza stampa a Baghdad, sottolineando come malgrado gli attacchi compiuti dalla guerriglia negli ultimi due giorni, le condizioni di sicurezza del Paese stiano migliorando.
PREMIER ALLAWI, CON AIUTO ALLAH AFFRONTEREMO ANIME PERSE
«Con l'aiuto di Allah, abbimo già verificato fin dall'inizio l'impatto avuto dalle nostre politiche di sicurezza malgrado le difficoltà e le sfide lanciate da alcuni elementi privi di coscienza - ha detto ancora il premier - Il cammino sarà lungo, e pieno di trappole e sfide, ma siamo animati da determinazione per vincere la sfida e siamo decisi ad affrontare questo gruppo di anime perse». Allawi ha infine attribuito i miglioramenti registrati sul piano della sicurezza agli «sforzi congiunti» dei diversi ministeri e di altre istituzioni del governo ad interim.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie