Martedì 28 Settembre 2021 | 21:15

NEWS DALLA SEZIONE

GINEVRA
Rapporto su abusi sessuali in Congo, capo dell'Oms si scusa

Rapporto su abusi sessuali in Congo, capo dell'Oms si scusa

 
BERLINO
Csu: 'Rispettare il voto, Scholz provi a formare il governo'

Csu: 'Rispettare il voto, Scholz provi a formare il governo'

 
ROMA
Il rettore di Kabul vieta l'università alle donne

Il rettore di Kabul vieta l'università alle donne

 
SARAJEVO
Migranti: Bosnia, nuovo rogo nel campo di Lipa

Migranti: Bosnia, nuovo rogo nel campo di Lipa

 
BOGOTÀ
Colombia: morto dopo un raid il capo della guerriglia Eln

Colombia: morto dopo un raid il capo della guerriglia Eln

 
MOSCA
Mosca apre nuova indagine per estremismo contro Navalny

Mosca apre nuova indagine per estremismo contro Navalny

 
WASHINGTON
Obama, tassare ricchi come me per finanziare agenda Biden

Obama, tassare ricchi come me per finanziare agenda Biden

 
MADRID
Spagna: governo Sánchez approva l'aumento del salario minimo

Spagna: governo Sánchez approva l'aumento del salario minimo

 
BOLOGNA
Zaki: Amnesty Italia, rinvio lungo che sa di punizione

Zaki: Amnesty Italia, rinvio lungo che sa di punizione

 
MANSURA
Zaki portato nella gabbia degli imputati in manette

Zaki portato nella gabbia degli imputati in manette

 
SASSARI
Puigdemont: sit-in indipendentisti sardi il 4/10 a Sassari

Puigdemont: sit-in indipendentisti sardi il 4/10 a Sassari

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Lord Butler: «L'Iraq non aveva armi e Blair forzò la mano»

Le informazioni dei servizi segreti britannici erano pieni di lacune e Tony Blair potrebbe aver «rinforzato l'impressione» che le informazioni di intelligence sulle armi irachene fossero «più consistenti e sicure»
le bugie di Tony Blair LONDRA - Le informazioni dei servizi segreti britannici sugli armamenti iracheni prima della guerra erano opinabili e pieni di lacune. E' questo il verdetto di Lord Butler, l'ex alto funzionario dello stato chiamato dal governo di Londra a giudicare gli errori di valutazione commessi nelle fasi precedenti l'invasione dell'Iraq.
Nel rapporto di 196 pagine presentato oggi da Lord Butler, si critica l'Mi6, il servizio di sicurezza esterna, per non aver controllato a sufficienza le sue fonti e talvolta aver utilizzato informazioni di terza mano, nonostante questi errori l'ex presidente del Comitato congiunto dei servizi segreti, John Scarlett, non dovrebbe dimettersi dal suo attuale incarico alla guida dei servizi segreti esteri (l'MI6) del Regno Unito.
Un dossier con errori di cui comunque nessuno dovrà assumersi responsabilità.
Lord Butler ha concluso che Baghdad non aveva significative quantità di armi chimiche e biologiche da utilizzare e probabilmente non le aveva affatto.
Nel rapporto si rileva che nella dichiarazione fatta ai Comuni prima della guerra Tony Blair potrebbe aver «rinforzato l'impressione» che le informazioni di intelligence sulle armi irachene fossero «più consistenti e sicure» di quello che realmente erano, ma si sottolinea che non ci sono prove che il governo abbia fatto deliberate distorsioni delle informazioni di intelligence per sostenere l'invasione.

Il mondo politico e mediatico britannico hanno atteso col fiato sospeso la pubblicazione del rapporto Butler sugli errori di intelligence commessi dai servizi segreti di Sua Maestà prima della guerra in Iraq.
I risultati del rapporto hanno tenuto sulle spine il premier Tony Blair, il quale ha ricevuto il dossier ieri pomeriggio e si sta preparando ad intervenire alla Camera dei Comuni, un'ora dopo la conferenza stampa di Butler, per commentare i risultati del rapporto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie