Domenica 19 Settembre 2021 | 20:18

NEWS DALLA SEZIONE

MOSCA
Russia: Depardieu vota, 'c'è democrazia, ammiro Putin'

Russia: Depardieu vota, 'c'è democrazia, ammiro Putin'

 
ROMA
Covid: India pensa di riaprire al turismo dopo anno e mezzo

Covid: India pensa di riaprire al turismo dopo anno e mezzo

 
ROMA
Bottiglia con messaggio ritrovata 37 anni dopo alle Hawaii

Bottiglia con messaggio ritrovata 37 anni dopo alle Hawaii

 
PARIGI
Funambolo percorre 600m sopra la Senna dalla Torre Eiffel

Funambolo percorre 600m sopra la Senna dalla Torre Eiffel

 
ROMA
Filippine: famoso pugile Pacquiao si candiderà a presidenza

Filippine: famoso pugile Pacquiao si candiderà a presidenza

 
WASHINGTON
'Cia segnalò presenza bimbi poco prima di raid Usa a Kabul'

'Cia segnalò presenza bimbi poco prima di raid Usa a Kabul'

 
ROMA
Pakistan: ferita e violentata bimba cristiana di 10 anni

Pakistan: ferita e violentata bimba cristiana di 10 anni

 
ROMA
In Inghilterra in arrivo 1,5 milioni di inviti per terza dose

In Inghilterra in arrivo 1,5 milioni di inviti per terza dose

 
BERLINO
Germania: domenica prossima si vota, stasera ultimo duello tv

Germania: domenica prossima si vota, stasera ultimo duello tv

 
MOSCA
Navalny, 'non siate pigri, oggi il voto conta davvero'

Navalny, 'non siate pigri, oggi il voto conta davvero'

 
TEL AVIV
Israele: Bennett, 'fatto. Catturati tutti i 6 terroristi'

Israele: Bennett, 'fatto. Catturati tutti i 6 terroristi'

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

A Nassiryia risale la tensione dopo gli attacchi

Due distinti episodi hanno rotto il periodo di calma che durava da giorni. Sparati colpi contro i carabinieri e la Guardia irachena
• Allawi incontra per la prima volta i capi tribù
• «Entro due giorni» amnistia per i guerriglieri
• Altre 48 ore per l'ostaggio filippino
• Intelligence - Dopo gli errori delle stragi dell'11 settembre e sugli arsenali di Saddam Hussein, cambio negli Stati Uniti al vertice della Cia
NASSIRIYA - Spari contro i carabinieri e contro l'esercito iracheno a Nassiriya. Due distinti episodi, che fanno risalire la tensione nella città controllata dai militari italiani dopo giorni di calma. I carabinieri - una pattuglia della Msu, l'Unià specializzata multinazionale - sono stati attaccati questa notte all'interno di Nassiriya. I veicoli stavano transitando da nord a sud quando, all'altezza della locale stazione della Traffic Police, sono stati fatti segno di 5-6 colpi di arma da fuoco. I militari dell'Arma non hanno risposto, non essendo chiara l'origine degli spari, ed hanno piuttosto ripiegato all'interno della stazione di polizia. Nessun danno nè alle persone, nè alle cose.
In precedenza, ad una settantina di chilometri da Nassiriya, l'imboscata da parte di dieci-dodici uomini a bordo di due pick up ad un plotone dela Guardia nazionale irachena. Hanno pianificato «in modo militare», dirà poi un ufficiale italiano, un attacco contro gli uomini dell'esercito del dopo Saddam. Lo scontro a fuoco è violento, ma alla fine a rimetterci sono solo gli assalitori: un morto e un ferito.
E' «un espisodio inquietante, su cui occorre fare chiarezza. E' la prima volta che succede nella nostra area di competenza», dice il colonnello Federico Maria Pellegatti, responsabile italiano dell'SSR, il settore che si occupa anche dell'addestramento dell'Iraqi National Guard (Ing), l'embrione del futuro esercito iracheno.
«La matrice dell'attacco - spiega Pellegatti, che è stato subito informato dallo stesso comandante del 604/ battaglione dell'Ing, il colonnello Hamed Kafi - non è stata ancora accertata, anche se la Guardia nazionale irachena, in altre parti del Paese, è già finita più volte nel mirino dei terroristi. Tuttavia, l'ipotesi più accreditata dallo stesso Hamed e dagli organismi di intelligence è che l'attacco sia opera di malavitosi, disturbati dall'azione di controlli dei militari iracheni. Ma per il momento è solo un'ipotesi. E in ogni caso occorre vederci chiaro».
I fatti. Secondo la ricostruzione dello stesso comandante della Guardia nazionale, tutto comincia poco dopo le 12, quando due pick up civili con a bordo complessivamente una dozzina di uomini si presentano alla base della compagnia Bravo dell'Ing. «Il vostro check point lungo la Tampa (l'autoastrada che collega Bassora a Baghdad, passando per Nassiriya - ndr) è stato attaccato», dicono. Ma è solo uno stratagemma, una trappola. Il contatto radio tra la base e il check point evidentemente non funziona. Si decide di far uscire un intero plotone (una trentina di uomini, su quattro mezzi), un'ambulanza e personale sanitario, che proprio in quel momento stava facendo training con la Croce rossa italiana. Dopo aver percorso un tratto di strada, dai due pick up tirano fuori i khalasnikov e cominciano a sparare contro le auto dei militari. Cosa sia successo in questi momenti non è ancora chiaro: sta di fatto che i soldati rispondono al fuoco. Gli altri fuggono, lasciando a terra un ferito e riuscendo invece a recuperare il corpo apparentemente senza vita di un loro compagno. Le ricerche dei due pick up, fuggiti verso Bassora, hanno dato finora esito negativo. L'uomo ferito è stato consegnato alla polizia, che nelle prossime ore lo interrogherà.
La zona dove è avvenuto l'attacco, spiega il colonnello Pellegatti, «è un'area di traffici illeciti, caratterizzata dalla presenza di contrabbandieri, terroristi, miliziani e soprattutto malavitosi». Numerosi convogli commerciali sono stati attaccati in passato, mentre i militari di solito passano indisturbati: solo qualche giorno fa, però, è stato preso di mira un mezzo del contingente olandese. Oggi è stata la volta della Guardia nazionale, che nella provincia di Nassiriya ha già avuto due morti e sei feriti (su un totale di 870 persone, armate poco e male, che diventeranno 2000 entro l'anno). L'attacco è avvenuto proprio nel giorno in cui il generale britannico Andrew Stewart, comandande della Divisione Sud-Est, ha compiuto una visita a Camp Ergife, la base della Iraqi National Guard di Nassiriya. Ma secondo Pellegatti «è solo un fatto casuale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie