Venerdì 24 Settembre 2021 | 17:11

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Sudafrica: Zuma dimesso da ospedale, sconterà pena a casa

Sudafrica: Zuma dimesso da ospedale, sconterà pena a casa

 
NEW YORK
Di Maio, 2021 anno record export, meglio di Francia-Germania

Di Maio, 2021 anno record export, meglio di Francia-Germania

 
WASHINGTON
Biden, 20 milioni americani hanno diritto a terza dose ora

Biden, 20 milioni americani hanno diritto a terza dose ora

 
SASSARI
Giudice libera Puigdemont, ma dovrà restare in Sardegna

Giudice libera Puigdemont, ma dovrà restare in Sardegna

 
PARIGI
Eliseo, colloquio telefonico tra Macron e Johnson

Eliseo, colloquio telefonico tra Macron e Johnson

 
BRUXELLES
Dodicenne vince causa contro padre no vax, può vaccinarsi

Dodicenne vince causa contro padre no vax, può vaccinarsi

 
MADRID
Puigdemont: protesta vicino al consolato italiano Barcellona

Puigdemont: protesta vicino al consolato italiano Barcellona

 
Puigdemont: leader catalano chiede il rilascio immediato

Puigdemont: leader catalano chiede il rilascio immediato

 
BRASILIA
Covid: Bolsonaro, mia moglie si è vaccinata a New York

Covid: Bolsonaro, mia moglie si è vaccinata a New York

 
ROMA
Covid: la Norvegia torna alla normalità

Covid: la Norvegia torna alla normalità

 
MADRID
Puigdemont:Sánchez, deve mettersi a disposizione dei giudici

Puigdemont:Sánchez, deve mettersi a disposizione dei giudici

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Partito islamico iracheno: «Truppe della coalizione via dalle città»

Abdulhamid, leader politico nel nuovo governo, ha definito «inaccettabile» che le forze della coalizione internazionale «proseguano con attacchi, perquisizioni domiciliari e pattugliamenti all'interno delle città irachene»
BAGHDAD - Il leader del Partito islamico iracheno, formazione che partecipa al nuovo governo ad interim del premier Yiad Allawi, ha oggi chiesto che «tutte le forze militari straniere, senza nessuna eccezione, si ritirino dalle città e restino nelle loro basi».
Nel corso di un'intervista all'Ansa, Muhsin Abdulhamid, che rappresente l'ala sunnita moderata, ha affermato che «finora il passaggio della sovranità agli iracheni è avvenuto solo formalmente» e che dall'avvento del nuovo governo «non abbiamo ancora visto nell'attegiamento della forza multinazionale il cambiamento che speravamo».
Il leader islamico Muhsin Abdulhamid, ex perseguitato durante il regime di Saddam Hussein, ha definito «inaccettabile» che le forze della coalizione internazionale «proseguano con attacchi, perquisizioni domiciliari e pattugliamenti all'interno delle città irachene». La loro funzione, secondo l'esponente politico, dovrebbe limitarsi «ad aiutare l'Iraq a ricostruire le sue forze di sicurezza e di polizia, cominciando con il restituirgli le armi pesanti».
«Tutte le forze straniere - ha proseguito - devono immediatamente allontanarsi dalle città e prepararsi gradualmente a lasciare il paese». Lo stesso Muhsin Abdulhamid ha tuttavia accettato che «il futuro governo» che nascera» dopo le elezioni programmate per il gennaio 2005, avrà il diritto di «raggiungere accordi di sicurezza» con le forze che partecipano alla coalizione.
Il leader del partito islamico iracheno ha infine denunciato la nascita nel paese di «fenomeni di integralismo religioso» che a suo dire verranno eliminati «non appena le forze straniere inizieranno il loro ritiro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie