Sabato 25 Settembre 2021 | 07:59

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Liberati due canadesi in Cina dopo rilascio Lady Huawei

Liberati due canadesi in Cina dopo rilascio Lady Huawei

 
WASHINGTON
Afghanistan: Usa varano deroghe a sanzioni per aiuti umanitari

Afghanistan: Usa varano deroghe a sanzioni per aiuti umanitari

 
WASHINGTON
Canada: Chiesa cattolica chiede scusa per abusi su nativi

Canada: Chiesa cattolica chiede scusa per abusi su nativi

 
L'AVANA
Cuba: liberata dopo breve detenzione la dissidente Soler

Cuba: liberata dopo breve detenzione la dissidente Soler

 
BOLOGNA
Zaki: Amnesty, preoccupati e preparati a scenario peggiore

Zaki: Amnesty, preoccupati e preparati a scenario peggiore

 
ROMA
Germania: sondaggio, è testa a testa tra Cdu e Spd

Germania: sondaggio, è testa a testa tra Cdu e Spd

 
GINEVRA
Siria: Onu, oltre 350.000 morti documentati

Siria: Onu, oltre 350.000 morti documentati

 
NEW YORK
Wsj, accordo con Usa, Lady Huawei potrà tornare in Cina

Wsj, accordo con Usa, Lady Huawei potrà tornare in Cina

 
ROMA
Sudafrica: Zuma dimesso da ospedale, sconterà pena a casa

Sudafrica: Zuma dimesso da ospedale, sconterà pena a casa

 
NEW YORK
Di Maio, 2021 anno record export, meglio di Francia-Germania

Di Maio, 2021 anno record export, meglio di Francia-Germania

 
WASHINGTON
Biden, 20 milioni americani hanno diritto a terza dose ora

Biden, 20 milioni americani hanno diritto a terza dose ora

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Vertice Nato - La conferma: c'era una bomba a Istanbul

Due giorni prima del vertice la polizia turca disinnescò una potente autobomba in un parcheggio dell'aeroporto. La notizia, smentita nei giorni scorsi, ora è stata confermata
ISTANBUL - Due giorni prima del vertice della Nato la polizia turca disinnescò una potente autobomba in un parcheggio dell'aeroporto di Istanbul. La notizia, smentita nei giorni scorsi, è stata confermata da un portavoce della polizia dopo che era stata rilanciata da due quotidiani.
Gli artificieri hanno scoperto un ordigno di sei chili e mezzo nascosto nella gomma di un'auto che si trovava al quarto piano del parcheggio. Secondo un esperto citato dai giornali Hurriyet e Sabah, il detonatore doveva essere un cellulare che fu fatto squillare appena un minuto dopo l'intervento della polizia. Se fosse esplosa, la bomba avrebbe potuto causare un crollo nel parcheggio, anche perchè avrebbero preso fuoco i serbatoi delle altre vetture provocando un grande incendio.
La polizia sospetta che a lasciare la bomba sia stata una militante del Partito comunista marxista leninista (Mlkp), un'organizzazione clandestina di estrema sinistra a cui è anche attribuito l'attentato con pacco-bomba esploso il 24 giugno nei pressi dell'albergo di Ankara dove avrebbe soggiornato George W. Bush e quello esploso su un aereo vuoto della Turkish Airlines il 29.
Prima a dare notizia dell'autobomba disinnescata era stata la Cnn turca, ma le autorità avevano smentito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie