Martedì 28 Settembre 2021 | 14:59

NEWS DALLA SEZIONE

MANSURA
Zaki portato nella gabbia degli imputati in manette

Zaki portato nella gabbia degli imputati in manette

 
SASSARI
Puigdemont: sit-in indipendentisti sardi il 4/10 a Sassari

Puigdemont: sit-in indipendentisti sardi il 4/10 a Sassari

 
PECHINO
Cina, la Nato non è stata e non sarà avversario in futuro

Cina, la Nato non è stata e non sarà avversario in futuro

 
ROMA
Afghanistan: Bbc, giudici donna minacciate dai talebani

Afghanistan: Bbc, giudici donna minacciate dai talebani

 
LONDRA
Gb: crisi della benzina fa salire i prezzi ai distributori

Gb: crisi della benzina fa salire i prezzi ai distributori

 
Golfo: nuovi incontri a Baghdad tra Iran e Arabia Saudita

Golfo: nuovi incontri a Baghdad tra Iran e Arabia Saudita

 
MADRID
Eruzione Canarie: distrutti 589 edifici, coperti 258 ettari

Eruzione Canarie: distrutti 589 edifici, coperti 258 ettari

 
ROMA
Terremoti: Grecia, migliaia di persone sfollate a Creta

Terremoti: Grecia, migliaia di persone sfollate a Creta

 
PARIGI
Covid: Francia, Sanofi blocca produzione vaccino a Rna

Covid: Francia, Sanofi blocca produzione vaccino a Rna

 
Libano: premier, elezioni saranno il 27 marzo 2022

Libano: premier, elezioni saranno il 27 marzo 2022

 
ROMA
Afghanistan: banchiere, il sistema è vicino al collasso

Afghanistan: banchiere, il sistema è vicino al collasso

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Colpo alla nuca: ucciso un soldato statunitense in Iraq

Un nuovo video trasmesso da Al Jazira ha mostrato l'uccisione di Keith Matthew Maupin, 20 anni, scomparso quasi tre mesi fa in seguito a un'imboscata al suo convoglio, presso Baghdad. Nella rivendicazione si motiva il gesto «perché gli Stati Uniti non hanno cambiato la loro politica in Iraq e per vendicare i nostri martiri»
ROMA - Il passaggio dei poteri a Baghdad, dalla Coalizione guidata dagli Stati Uniti al governo iracheno ad interim del premier Iyad Allawi, era stato anticipato di due giorni anche per prendere in contropiede gli architetti del terrore e evitare attentati e violenze, di valenza altamente evocativa, in concomitanza con la data-simbolo, pubblicizzata da mesi, del 30 giugno.
Ma il trasferimento di sovranità anticipato non è bastato ad evitare una nuova esecuzione, pur se avvenuta al termine di una giornata relativamente tranquilla sul terreno. Erano passate all'incirca 15 ore dalla cerimonia per il passaggio delle consegne tra il governatore americano Paul Bremer e il primo ministro Allawi che un nuovo video trasmesso da Al Jazira ha mostrato quella che è stata presentata come l'uccisione del soldato di prima classe americano Keith Matthew Maupin, 20 anni, scomparso quasi tre mesi fa in seguito a un'imboscata al suo convoglio, presso Baghdad.
Se si tratti effettivamente di lui, e se l'esecuzione sia avvenuta nelle ore precedenti la diffusione del video o molto tempo prima, non è per ora dato sapere. Responsabili della Difesa Usa stanno studiando le immagini e il comunicato di rivendicazione che le accompagna. Al Pentagono, ci si è limitati, per il momento, a informare la famiglia del militare che c'era un video con immagini di un'esecuzione e che potrebbe trattarsi del loro congiunto.
Il video mostra un uomo vestito con una tuta verdognola, inginocchiato davanti a una fossa, ripreso di spalle in un ambiente in penombra. Si vede un uomo armato che gli spara alla nuca e il corpo cade nella fossa. Nel comunicato di accompagnamento al video, un gruppo finora sconosciuto, che si identifica come l'«Implacabile potere contro il nemico di Dio e del Profeta», afferma di aver messo a morte Keith Maupin «perché gli Stati Uniti non hanno cambiato la loro politica in Iraq e per vendicare i nostri martiri in Iraq, in Algeria e in Arabia Saudita».
Maupin, di Batavia (Ohio), appartenente alla 724esima compagnia di trasporti (un'unita logistica della Riserva), risultava disperso dal 9 aprile scorso, quando il suo convoglio di rifornimento era caduto in un'imboscata a ovest della capitale. Il 16 aprile, i suoi sequestratori avevano mandato un video ad Al Jazira, che lo aveva trasmesso. Circondato da uomini armati e mascherati, il giovane soldato diceva di essere venuto «per liberare l'Iraq» ma che in realtà voleva restare con il figlio di dieci mesi. I sequestratori chiedevano il rilascio di alcuni prigionieri e il ritiro delle forze Usa dal Paese. Oggi (martedì), intanto, scade l'ultimatum di 72 ore dei sequestratori di tre ostaggi turchi, che chiedono, per non decapitarli, il ritiro di tutti i loro connazionali dall'Iraq. E di decapitazione sono minacciati anche altri due ostaggi: un autista pachistano, per la cui salvezza si chiede la liberazione di diversi detenuti (l'ultimatum, pure di 72 ore, scade domani, mercoledì); e un Marine Usa, il caporale di origine libanese Wassef Ali Hassoun, scomparso dal suo reparto il 21 giugno. Anche in questo caso i rapitori hanno chiesto il rilascio di prigionieri, ma senza porre scadenze temporali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie