Domenica 26 Settembre 2021 | 12:29

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Ruanda: Bagosora il 're del genocidio' muore in carcere

Ruanda: Bagosora il 're del genocidio' muore in carcere

 
TEL AVIV
Almeno 4 palestinesi uccisi da esercito Israele

Almeno 4 palestinesi uccisi da esercito Israele

 
BERLINO
Germania: aperti i seggi per le elezioni legislative

Germania: aperti i seggi per le elezioni legislative

 
WASHINGTON
Global Citizen, ovazione al Central Park per Harry e Meghan

Global Citizen, ovazione al Central Park per Harry e Meghan

 
NEW YORK
Harry e Meghan all'Onu, incontro con Guterres

Harry e Meghan all'Onu, incontro con Guterres

 
PARIGI
Francia: presidenziali, niente primarie per i Républicains

Francia: presidenziali, niente primarie per i Républicains

 
ALGHERO
Puigdemont, torneremo ad Alghero da Repubblica libera

Puigdemont, torneremo ad Alghero da Repubblica libera

 
TUNISI
Tunisia: media, in piazza sostenitori del presidente Saied

Tunisia: media, in piazza sostenitori del presidente Saied

 
WASHINGTON
Usa 2020: riconteggio dei voti, beffa per Trump in Arizona

Usa 2020: riconteggio dei voti, beffa per Trump in Arizona

 
ROMA
Gb: crisi trasporti, verso visti temporanei a camionisti

Gb: crisi trasporti, verso visti temporanei a camionisti

 
ISOLA DI PALMA
Eruzione vulcanica alle Canarie, chiuso aeroporto di Palma

Eruzione vulcanica alle Canarie, chiuso aeroporto di Palma

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Iraq - Due autobombe a Hilla: 40 morti

Tre ostaggi turchi rischiano la decapitazione e la Turchia respinge l'ultimatum dei rapitori.
BAGHDAD - Almeno 40 persone sono morte e 22 sono rimaste ferite nell'esplosione di due autobomba ieri nel centro della città irachena sciita di Hilla, a 100 chilometri a sud di Baghdad. Lo riferiscono fonti militari americane.
In precedenza si era parlato di una sola autobomba esplosa vicino alla moschea Saddam, alle 20:45 locali (le 18.45 italiane). Ma una dichiarazione dei militari americani parla oggi di due.
Hilla è rimasta abbastanza tranquilla negli ultimi 15 mesi di occupazione americana, anche se ci sono stati attacchi a convogli e veicoli usati da appaltatori per le forze della Coalizione e giornalisti. Il contingente polacco della Coalizione ha la base appena fuori Hilla, vicino al sito archeologico di Babilonia.

AL ZARQAWI MINACCIA LA DECAPITAZIONE DI TRE TURCHI - La tv satellitare Al jazira ha detto di aver ricevuto un video dal gruppo che fa capo ad al Zarqawi in cui si vedono tre uomini accucciati con dietro di loro due miliziani armati. Il gruppo minaccia di decapitare tre ostaggi turchi entro 72 ore se il governo di Ankara non richiamerà i propri cittadini dall'Iraq.

ALLAWI, ELEZIONI GENNAIO POTREBBERO SLITTARE - Il premier ad interim iracheno Iyad Allawi ha detto ieri che problemi di sicurezza potrebbero far slittare la data delle elezioni, previste attualmente per il gennaio 2005. In una intervista alla tv americana CBS. La precarietà della situazione della sicurezza, ha spiegato Allawi, potrebbe ritardare di un paio di mesi le elezioni, rispetto alla scadenza che era stata inizialmente fissata per gennaio, «Una data (quella di gennaio, ndr.) non scolpita nella pietra». Misure di emergenza sono legittime, ha detto Allawi nell'intervista, se si tratta di riportare la pace all'Iraq: «Fra le altre cose - ha spiegato - stiamo pensando ad una legge tutt'ora allo studio, sulla tutela della pubblica sicurezza».
Non si tratterebbe di un surrogato di legge marziale, assicura il primo ministro interinale: «Dovrebbe prevedere l'attribuzione al governo del potere di prendere l'iniziativa contro i criminali, arrestarli, interrogarli, inquisire ed imporre il coprifuoco qualora necessario».
Una decisione - secondo Allawi - dovrebbe essere presa nei prossimi giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie