Martedì 28 Settembre 2021 | 03:23

NEWS DALLA SEZIONE

NEW YORK
Mali: primo ministro, le elezioni potrebbero essere rinviate

Mali: primo ministro, le elezioni potrebbero essere rinviate

 
MADRID
Covid: Spagna, oggi la terza dose per la prima vaccinata

Covid: Spagna, oggi la terza dose per la prima vaccinata

 
WASHINGTON
Usa: l'attentatore di Reagan sarà completamente rilasciato

Usa: l'attentatore di Reagan sarà completamente rilasciato

 
ROMA
Clima: Erdogan, la Turchia ratificherà l'Accordo di Parigi

Clima: Erdogan, la Turchia ratificherà l'Accordo di Parigi

 
PARIGI
Macron e Tedros inaugurano l'accademia dell'Oms a Lione

Macron e Tedros inaugurano l'accademia dell'Oms a Lione

 
TEL AVIV
Covid: principe ereditario Giordania positivo, sintomi lievi

Covid: principe ereditario Giordania positivo, sintomi lievi

 
NEW YORK
Fbi, omicidi aumentati del 30% nel 2020 negli Usa

Fbi, omicidi aumentati del 30% nel 2020 negli Usa

 
NEW YORK
Bennett, su nucleare Iran ha superato tutte le linee rosse

Bennett, su nucleare Iran ha superato tutte le linee rosse

 
WASHINGTON
'La Cia voleva rapire e assassinare Assange'

'La Cia voleva rapire e assassinare Assange'

 
ROMA
Afghanistan: i Talebani vietano il taglio delle barbe

Afghanistan: i Talebani vietano il taglio delle barbe

 
MADRID
Migranti: ancora sbarchi nel sud della Spagna

Migranti: ancora sbarchi nel sud della Spagna

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Falso allarme bomba all'aeroporto di Istanbul

Cresce l'allarme in Turchia in vista dell'arrivo del presidente americano George W. Bush. Le autorità hanno smentito il ritrovamento di un ordigno all'aeroporto internazionale
ISTANBUL - Cresce l'allarme in Turchia in vista dell'arrivo del presidnete americano George W. Bush e di una quarantina di altri leader mondiali ma per oggi pare si sia trattato di un falso: dopo le bombe di ieri a Istanbul e Ankara, le autorità hanno smentito con irritazione la notizia del ritrovamento di un ordigno all'aeroporto internazionale della città sul Bosforo che lunedi ospiterà il vertice della nato.
La notizia l'aveva data con una certa enfasi la Cnn turca, che aveva parlato di una bomba con comando a distanza collocata sotto un'auto abbandonata nel parcheggio dello scalo aereo e disinnescata dagli specialisti della polizia. Altre fonti, tra cui la rete rivale, NTV, avevano invece parlato della scoperta di «esplosivo di debole potenza».
«L'informazione è falsa, non c'erano ordigni sotto nessun veicolo», ha detto il capo della polizia di Istanbul, Celalettin Cerrah.
«Non c'è niente di vero - gli ha fatto eco il governatore Muammar Guler - noi vorremmo che i mezzi di informazione non dessero notizie così esagerate, stiamo cercando di capire da che fonte sia venuta».
L'arrivo di Bush in Turchia è previsto per domani sera. Prima del vertice Nato il presidente americano effettua infatti una visita a Ankara che avrà carattere bilaterale. In vista del summit atlantico, le autorità hanno sensibilmente intensificato le misure di sicurezza, con soldati e poliziotti che fermano la gente per strada e perquisiscono chiunque desti il minimo sospetto.
Nonostante ciò, Istanbul continua a essere considerata una città a rischio: appena ieri una bomba esplosa su un aubobus ha provocato quattro morti e una ventina di feriti.
Il governatore Guler ha detto che tra le vittime figura Semiran Polat, una donna di 29 anni «ricercata per attività eversive e appartenenza a un'organizzazione di estrema sinistra». Sempre ieri, un'altra bomba è esplosa a Ankara proprio davanti all'albergo dove Bush alloggerà domani sera. Il bilancio è stato di tre feriti, due passanti e un poliziotto. In Turchia operano vari gruppi estremisti, tra cui i separatisti curdi e piccole formazioni di matrice marxista. Ma a destare le preoccupazioni maggiori è la cellula islamica affiliata a Al Qaida che lo scorso novembre colpì con i suoi kamikaze due sinagoghe di Istanbul, il consolato britannico e la banca britannica HSBC. Il bilancio fu di 63 morti e 750 feriti. Dopo gli attentati di ieri la polizia turca è intervenuta più volte per esaminare pacchetti sospetti segnalati da cittadini inquieti. Tutti si sono rivelati inoffensivi meno uno: un sacchetto abbandonato davanti ad una concessionaria di auto a Yalova, nei pressi di Istanbul, conteneva una bomba di fabbricazione artigianale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie