Martedì 21 Settembre 2021 | 07:48

NEWS DALLA SEZIONE

NEW YORK
Usa: morti per Covid superano quelli della Spagnola

Usa: morti per Covid superano quelli della Spagnola

 
Libano: il parlamento concede la fiducia al nuovo governo

Libano: il parlamento concede la fiducia al nuovo governo

 
ROMA
Amazzonia: ong, ad agosto maggiore deforestazione da 10 anni

Amazzonia: ong, ad agosto maggiore deforestazione da 10 anni

 
WASHINGTON
Usa: sparatoria in scuola Virginia, due feriti

Usa: sparatoria in scuola Virginia, due feriti

 
BRUXELLES
Von der Leyen, la Francia trattata in modo inaccettabile

Von der Leyen, la Francia trattata in modo inaccettabile

 
ROMA
Afghanistan: in preparazione cerimonia insediamento governo

Afghanistan: in preparazione cerimonia insediamento governo

 
LONDRA
Covid: casi in Gb risalgono a 36.000, ma morti e ricoveri calano

Covid: casi in Gb risalgono a 36.000, ma morti e ricoveri calano

 
KIGALI
Ruanda: lo 'Schindler africano' condannato a 25 anni

Ruanda: lo 'Schindler africano' condannato a 25 anni

 
NEW YORK
Casa Bianca, gli Usa riaprono ai viaggiatori vaccinati

Casa Bianca, gli Usa riaprono ai viaggiatori vaccinati

 
ROMA
Onu: Bolsonaro a NY, pizza in strada perché non vaccinato

Onu: Bolsonaro a NY, pizza in strada perché non vaccinato

 
MOSCA
Candidati filo-Cremlino vincono in tutti i collegi di Mosca

Candidati filo-Cremlino vincono in tutti i collegi di Mosca

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Costituzione Ue - Il testo per costruire l'Europa

BRUXELLES - La nascita della Costituzione europea è stata accolta - come spesso avviene nel caso di avvenimenti di questo tipo - con reazioni diverse. I leader dell'Ue, che hanno raggiunto il compromesso dopo un percorso durato due anni e quattro mesi, non privo di difficoltà e di trabocchetti, hanno utilizzato l'aggettivo storico.
I critici hanno parlato di accordo al ribasso e di un documento che allontana l'Europa dai cittadini. C'è anche chi sostiene che il testo uscito dalla Convenzione presieduta da Valery Giscard d'Estaing era migliore.
Viene, peraltro, il dubbio che molti giudizi, soprattutto quando sono emessi da chi non ha partecipato o non ne ha seguita la lunga e difficile gestazione, siano emessi senza conoscere a fondo i contenuti del testo, che deve ancora essere diffuso nella sua versione integrale definitiva.
La Costituzione europea è comunque un fatto rivoluzionario, uno strumento indispensabile in un momento in cui sul continente si rafforzano i venti dei gruppi euroscettici e populisti, insieme a pericolosi patriottismi.
E' certamente un fatto straordinario se si considera che il trattato detta le linee guida a 450 milioni di persone, di 25 paesi, destinati nei prossimi anni ad aumentare ancora.
Nel suo complesso il testo è garanzia dei popoli, semplifica le procedure delle istituzioni - che erano oltre venti e sono ridotte a meno di dieci - istituzionalizza la difesa di minoranze, etnie e culture; fissa procedure per la realizzazione di cooperazioni rafforzate con le quali consente ad alcuni paesi di avanzare più celermente, senza però calpestare gli interessi ed i diritti degli altri.
In un'Europa che ha affrontato divisa gli ultimi drammatici avvenimenti internazionali, istituisce ora la figura di un ministro degli esteri e certifica l'impegno alla solidarietà di fronte a qualsiasi minaccia esterna, cominciando da quella del terrorismo. Inoltre regola le condizioni per una maggiore autonomia diplomatica e militare nei confronti dell' unica grande superpotenza mondiale, senza danneggiare, ma semmai tracciando binari più sicuri per consolidare, parlando con una sola voce, la cooperazione transatlantica.
La guerra contro l'Iraq e quella contro il terrorismo in generale - che gli Stati Uniti di George Bush hanno deciso di combattere con le armi - ha aumentato, come dimostrano i fatti di ogni giorno, l'insicurezza in tutto il pianeta. L'Europa ha vissuto, sia pure su scala diversa, questo stesso fenomeno e lo ha vinto. Quindi ha il diritto, si rileva a Bruxelles, di non essere ignorata e schermita con l'aggettivo di «vecchia».
Il deludente esito del voto per il Parlamento di Strasburgo e quello dei sondaggi conferma che gli europei vogliono garanzie su sicurezza, posto di lavoro, pensione, sistema sociale e, ovviamente, la pace.
Pur con i suoi immancabili difetti - in quanto risultato di un'ampia mediazione per giungere alla quadratura del cerchio - la Costituzione è uno strumento importante per creare stabilità nel continente, ancora scosso da pericolosi, anche se delimitati conflitti, favorire lo sviluppo e l'integrazione nel rispetto della sovranità nazionale. Per questo fissa ruoli e poteri delle istituzioni, cercando di creare tra loro un giusto contrappeso.
Il testo non è intoccabile, ma le difficoltà che ci sono state e che ci saranno non devono far pensare che si tratta di qualcosa di sbagliato, che non può funzionare.
Sicuramente prolissa, probabilmente in parte farraginosa, la Costituzione europea è un trattato nel quale stati grandi, medi e piccoli, possono riconoscersi e sentire tutelati i loro diritti. Canali attraverso i quali le decisioni sono legittimate e che consentono a tutti i livelli di potere e rappresentativi - cittadini, sindaci, regioni, parlamenti nazionali, organizzazioni - di intervenire, in modo da riempire quelli che sono stati chiamati i vuoti democratici. Un sistema che dovrà essere perfezionato e messo in grado di funzionare, ma che potrà rivelarsi vincente anche contro gli euroscettici se mostrerà che non intacca poteri e identità nazionali, ma rappresenta un'altra garanzia al di sopra dei loro stessi stati.
Dovrà essere ratificata ed eventualmente modificata, ma che ci sia è certamente - come hanno rilevato i leader che hanno contribuito alla sua nascita - «un successo per l'Europa per i suoi cittadini».
Franco E. Vaselli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie