Sabato 18 Settembre 2021 | 19:04

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Nyt, negoziati su sottomarini nascosti per mesi a Parigi

Nyt, negoziati su sottomarini nascosti per mesi a Parigi

 
WASHINGTON
Alta tensione a Washington, raduno destra a Capitol Hill

Alta tensione a Washington, raduno destra a Capitol Hill

 
TEHERAN
Iran: Khamenei, atleti non stringano la mano agli israeliani

Iran: Khamenei, atleti non stringano la mano agli israeliani

 
PARIGI
Covid: Francia, decimo sabato di cortei anti-green pass

Covid: Francia, decimo sabato di cortei anti-green pass

 
BUDAPEST
Ungheria: al via le primarie dell'opposizione per sfidare Orban

Ungheria: al via le primarie dell'opposizione per sfidare Orban

 
NEW YORK
Usa: ragazza scomparsa, sparito anche il fidanzato

Usa: ragazza scomparsa, sparito anche il fidanzato

 
JALALABAD
Afghanistan: diversi attentati a Jalalabad, almeno 2 morti

Afghanistan: diversi attentati a Jalalabad, almeno 2 morti

 
Macedonia Nord: a Tetovo proteste dopo strage ospedale

Macedonia Nord: a Tetovo proteste dopo strage ospedale

 
ROMA
Scontri tra polizia e manifestanti anti-lockdown a Melbourne

Scontri tra polizia e manifestanti anti-lockdown a Melbourne

 
PARIGI
Conclusa messa in sicurezza di Notre Dame, via al restauro

Conclusa messa in sicurezza di Notre Dame, via al restauro

 
CITTÀ DEL MESSICO
Venezuela:Maduro in Messico,prima volta estero da taglia Usa

Venezuela:Maduro in Messico,prima volta estero da taglia Usa

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

I grandi del G8 puntano al Grande Medio Oriente

Si vogliono conseguire sei obiettivi, il più importante dei quali è il lancio dell'iniziativa per la democrazia e le riforme nel Grande Medio Oriente, dall'Afghanistan al Nord Africa
SAVANNAH - Una cena di lavoro fra i leader del G8, dedicata alle crisi regionali e dove, quindi, s'è ancora parlato di Iraq, ha concluso la prima giornata del G8, a Sea Island, un'isola dell'Atlantico al largo della Georgia.
La Casa Bianca, nel trarre un bilancio della giornata, conta il conseguimento di sei obiettivi, il più importante dei quali è il lancio dell'iniziativa per la democrazia e le riforme nel Grande Medio Oriente, dall'Afghanistan al Nord Africa.
La giornata è stata densa di incontri bilaterali, a margine di due sessioni plenarie, al mattino e al pomeriggio, e d'una colazione di lavoro, durante la quale i leader dei Grandi sono stati raggiunti da quelli di Afghanistan, Bahrain, Yemen, Turchia, Giordania e Algeria. C'era pure il nuovo presidente ad interim iracheno Ghazi al Jawad, con cui il presidente George W. Bush ha poi avuto un incontro bilaterale.
Sull'Iraq, il comune sostegno al popolo iracheno e al nuovo governo ad interim, che assumerà i poteri il 30 giugno dalle forze d'occupazione, s'è intersecato con la preoccupazione per le condizioni di sicurezza e di stabilità. Non tutti i leader hanno la stessa fiducia dell'Amministrazione americana nel piano in cinque passi tracciato da Bush, che Paul Wolfowitz, vicesegretario alla difesa americano, definisce «la road map dell'Iraq».
Per i leader del G8, la colazione è stata un'occasione di discutere come contribuire alla libertà e ai progressi politici, economici e sociali del Medio Oriente e di sentire come i leader locali si sforzano di perseguire la democrazia e le riforme nei loro Paesi. Ne sono scaturiti due documenti: una dichiarazione politica e un piano d'azione in sette punti, che vede il coinvolgimento dell'Italia con l'organizzazione, insieme a Turchia e Yemen, di un evento.
La sessione del pomeriggio è stata dedicato a discutere i temi della sicurezza, dalle armi di distruzione di massa alla proliferazione, e della lotta al terrorismo.
Di qui, sono uscite altre quattro conclusioni comuni che, sommate a quelle sul Grande Medio Oriente, e all'appoggio al nuovo Iraq, fanno il bilancio della giornata, nei conteggi della Casa Bianca:
1) Nuove azioni contro la proliferazione delle armi di distruzione di massa, fra cui l'espansione dell'Iniziativa per la sicurezza della proliferazione, il rafforzamento dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica di Vienna e limiti a nuovi trasferimenti di uranio arricchito e di tecnologie utilizzabili a fini nucleari militari.
2) Rafforzamento della cooperazione globale anti-terrorismo, con l'attenzione alla sicurezza dei viaggi internazionali.
3) Un piano d'azione centrato sullo strumento dell'imprenditorialità per sradicare la povertà, facilitando le rimesse degli emigrati, la micro-finanza e l'accesso ai finanziamenti per la casa e l'acqua.
4) Un incoraggiamento all'azione rafforzata per promuovere la crescita economica globale, dando istruzioni ai ministri di rimettere in carreggiata e avviare a conclusione il round di Doha per la liberalizzazione degli scambi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie