Lunedì 21 Gennaio 2019 | 22:48

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Libia:Hrw, un incubo centri per migranti

Libia:Hrw, un incubo centri per migranti

 
OUAGADOUGOU
Burkina Faso, nominato nuovo premier

Burkina Faso, nominato nuovo premier

 
BRUXELLES
Moscovici a Di Maio,frasi irresponsabili

Moscovici a Di Maio,frasi irresponsabili

 
ROMA
Di Maio,'bisogna decolonizzare l'Africa'

Di Maio,'bisogna decolonizzare l'Africa'

 
WASHINGTON
Trump visita il memorial di Mlk

Trump visita il memorial di Mlk

 
BEIRUT
Baghdad omaggia l'archeologa Kilani

Baghdad omaggia l'archeologa Kilani

 
MOSCA
Mosca manda osservatori per voto Ucraina

Mosca manda osservatori per voto Ucraina

 
VARSAVIA
Madre omicida sindaco Danzica, 'perdono'

Madre omicida sindaco Danzica, 'perdono'

 
BERLINO
Migranti, in Germania record espulsioni

Migranti, in Germania record espulsioni

 
MOSCA
Due navi in fiamme vicino alla Crimea

Due navi in fiamme vicino alla Crimea

 
LONDRA
Corbyn: May continua a negare la realtà

Corbyn: May continua a negare la realtà

 

La nuova bozza Onu non convince sui poteri effettivi

Critiche continuano ad essere espresse alla vaghezza del documento sul controllo che l'Iraq avrà sulle forze incaricate di stabilire la sicurezza
WASHINGTON - La nuova bozza di risoluzione sull'Iraq, presentata all'Onu da Stati Uniti e Gran Bretagna, è stata considerata da molti membri del Consiglio di sicurezza un passo avanti, ma critiche continuano ad essere espresse alla vaghezza del documento sul controllo che l'Iraq avrà sulle forze incaricate di stabilire la sicurezza.
La bozza stabilisce che le forze irachene avranno la loro catena di comando e non dovranno quindi rispondere ai soldati americani che resteranno nel paese ancora fino al 2005, ma alcuni membri del consiglio di sicurezza hanno osservato, nelle consultazioni informali in corso, che il documento non chiarisce se i militari iracheni potranno bloccare una azione offensiva ordinata dal comando americano, che si è riservato la autorità di adottare «tutte le misure necessarie».
«Desideriamo vedere riconosciuto al governo iracheno ad interim il potere di far prevalere le sue opinioni in materia di operazioni militari rispetto a quelle della forza multinazionale nel caso di operazioni importanti», ha affermato l'ambasciatore all'Onu algerino Abdallah Baali.
Gli americani sostengono che i dettagli dei rapporti tra i comandi militari iracheni e americani saranno decisi direttamente tra loro senza interferenze dell'Onu.
I membri del consiglio di sicurezza incontreranno oggi il ministro degli esteri iracheno Hoshiyar Zebari e durante il fine settimana anche l'inviato speciale dell'Onu Lakhdar Brahimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400