Martedì 22 Gennaio 2019 | 20:12

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Bimbo nel pozzo, nuovo ritardo soccorsi

Bimbo nel pozzo, nuovo ritardo soccorsi

 
BERLINO
'Lasciamo Sophia contro linea dura Roma'

'Lasciamo Sophia contro linea dura Roma'

 
PECHINO
Huawei, 'sempre rispettate leggi'

Huawei, 'sempre rispettate leggi'

 
BERLINO
Germania ferma partecipazione a Sophia

Germania ferma partecipazione a Sophia

 
WASHINGTON
Usa: resta bando su trans nell'esercito

Usa: resta bando su trans nell'esercito

 
TEL AVIV
Artiglieria Israele uccide palestinese

Artiglieria Israele uccide palestinese

 
LONDRA
Brexit: Dyson si sposta a Singapore

Brexit: Dyson si sposta a Singapore

 
MOSCA
Timoshenko si candida presidenziali Kiev

Timoshenko si candida presidenziali Kiev

 
PECHINO
Dna modificato: Cina, seconda gravidanza

Dna modificato: Cina, seconda gravidanza

 
NEW YORK
Usa: Starbucks consegna a domicilio

Usa: Starbucks consegna a domicilio

 
WASHINGTON
Cascate Niagara gelate

Cascate Niagara gelate

 

La salute degli europei affidata ad una carta

L'assistenza sanitaria dei cittadini dell'Unione europea che si trovano in uno degli Stati membri sarà affidata a una carta di assicurazione per cure di emergenza gratuite. L'Italia ha il compito di arrivare al traguardo entro la fine del 2005
BRUXELLES - Vecchio modulo E111 addio: da oggi l'assistenza sanitaria dei cittadini dell'Unione europea che si trovano in uno degli Stati membri sarà affidata a una nuova carta di assicurazione per eventuali cure di emergenza gratuite. La nuova card servirà anche agli studenti e ai cittadini in cerca di lavoro e su di essa è riposta la speranza «di tagliare la burocrazia e rendere più facile l'assistenza sanitaria tra i confini della Ue», spiegano da Bruxelles. Finora era necessario riempire una lunga serie di moduli che potevano variare da nazione a nazione, ma che venivano chiamati comunemente E111.

Ma la nuova carta non sarà subito attiva in tutta l'Unione europea. Belgio, Francia, Lussemburgo, Spagna, Germania, Grecia, Irlanda, Svezia Danimarca, Finlandia, Norvegia, Estonia e Slovenia dovrebbero renderla operativa immediatamente. Mentre i restanti 11 Stati, compresa l'Italia, hanno il compito di arrivare al traguardo entro la fine del 2005. La card costituirà una sorta di passaporto medico per ogni tipo di assistenza nella Ue e potrà accelerare il rimborso delle spese per le cure da parte del servizio sanitario nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400