Giovedì 17 Gennaio 2019 | 03:20

NEWS DALLA SEZIONE

NEW YORK
Voleva attaccare Casa Bianca, arrestato

Voleva attaccare Casa Bianca, arrestato

 
WASHINGTON
Siria: Pence conferma ritiro degli Usa

Siria: Pence conferma ritiro degli Usa

 
ATENE
Grecia: fiducia per un soffio a Tsipras

Grecia: fiducia per un soffio a Tsipras

 
LONDRA
May ottiene la fiducia del Parlamento

May ottiene la fiducia del Parlamento

 
ISTANBUL
Siria: Erdogan, 5 i soldati Usa uccisi

Siria: Erdogan, 5 i soldati Usa uccisi

 
NEW YORK
Yemen: ok Onu a team osservatori tregua

Yemen: ok Onu a team osservatori tregua

 
MADRID
Bimbo nel pozzo, papà: 'Spero sia vivo'

Bimbo nel pozzo, papà: 'Spero sia vivo'

 
IL CAIRO
Tempesta di sabbia al Cairo

Tempesta di sabbia al Cairo

 
Siria: 16 morti in un attentato nel nord

Siria: 16 morti in un attentato nel nord

 
WASHINGTON
Pelosi, Trump rinvii State of the Union

Pelosi, Trump rinvii State of the Union

 
STRASBURGO
Sanchez, divisioni tallone d'Achille Ue

Sanchez, divisioni tallone d'Achille Ue

 

Iraq - Uccisi altri due russi

Altri sei sono rimasti feriti. L'Interenergoservis, l'impresa russa per cui lavoravano i due tecnici, ha deciso l'evacuazione di tutto il suo personale dall'Iraq
MOSCA - Due tecnici russi sono stati uccisi in Iraq e altri sei sono rimasti feriti in un attacco. Lo ha riferito il ministero degli esteri russo, citato dall'agenzia Interfax.
I tecnici, ha precisato il portavoce del ministero degli esteri russo Alexander Yakovenko, erano in Iraq per conto della società Interenergoservis e sono stati attaccati stamani da «sconosciuti armati» mentre viaggiavano a bordo di un bus della loro impresa.
Nell'attacco, ha aggiunto Yakovenko, sono stati uccisi anche due iracheni.
Il 10 maggio scorso, in circostanze analoghe un altro tecnico russo dell'Interenergoservis era stato ucciso in un agguato vicino a Baghdad e altri due suoi colleghi erano stati rapiti. I due ostaggi erano stati poi rilasciati una settimana dopo, senza il pagamento di alcun riscatto.

Sono in «condizioni critiche» alcuni dei sei tecnici russi rimasti feriti stamani. Le fonti hanno precisato che il sanguinoso agguato è avvenuto nei pressi della centrale elettrica di Dura, una delle quattro che l'Interenergoservis sta riabilitando in Iraq e dove i tecnici stavano recandosi al lavoro a bordo di un pullman.
Il ministro della protezione civile russo Serghei Shokov ha intanto annunciato che un aereo per evacuare i tecnici dell'Interenergoservis ancora in Iraq (231 o 241, a seconda delle fonti) è pronto a partire «nelle prossime ore» da Mosca diretto a Baghdad.

L'Interenergoservis, l'impresa russa per cui lavoravano i due tecnici uccisi stamane in un agguato, ha deciso l'evacuazione di tutto il suo personale dall'Iraq. Lo ha riferito all'Ansa a Mosca un portavoce dell'Interenergoservis.
Il portavoce ha tuttavia aggiunto che i tempi dell'evacuazione «restano ancora da definire» e ha precisato che l'impresa conta al momento 241 tecnici in Iraq, impegnati nella riabilitazione di quattro centrali elettriche.
Il 18 maggio, dopo il rilascio di due suoi tecnici che erano stati rapiti una settimana prima in un agguato costato la vita a un terzo loro collega, l'Interenergoservis aveva già evacuato 109 dipendenti dall'Iraq.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400