Lunedì 21 Gennaio 2019 | 08:10

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Messico: salgono a 85 vittime oleodotto

Messico: salgono a 85 vittime oleodotto

 
GERUSALEMME
Israele bombarda obiettivi Iran in Siria

Israele bombarda obiettivi Iran in Siria

 
IL CAIRO
Egitto, uccisi 14 terroristi nel Sinai

Egitto, uccisi 14 terroristi nel Sinai

 
HARARE
Davos: non va presidente Zimbabwe

Davos: non va presidente Zimbabwe

 
ATENE
Grecia: proteste per Macedonia

Grecia: proteste per Macedonia

 
PARIGI
A migliaia a Parigi contro l'aborto

A migliaia a Parigi contro l'aborto

 
MADRID
Spagna: bimbo in pozzo, aiuti rallentati

Spagna: bimbo in pozzo, aiuti rallentati

 
WASHINGTON
Trump giù in sondaggi,2 anni Casa Bianca

Trump giù in sondaggi,2 anni Casa Bianca

 
WASHINGTON
Usa:5000 voli cancellati per ondata gelo

Usa:5000 voli cancellati per ondata gelo

 
BAMAKO (MALI)
Mali: attacco a Onu, morti 8 caschi blu

Mali: attacco a Onu, morti 8 caschi blu

 
CITTA' DEL MESSICO
Messico: 79 i morti nel rogo oleodotto

Messico: 79 i morti nel rogo oleodotto

 

Americano decapitato: il padre accusa Bush

In un'intervista alla radio KYW-AM dalla sua casa di West Chester, in Pennsylvania criticate l'invasione dell'Iraq e l'adozione del «Patriot Act», definito un «colpo di Stato», che limita i diritti civili
FILADELFIA - Nuove accuse della famiglia di Nicholas Berg, l'ostaggio statunitense decapitato, al presidente Bush e al segretario alla difesa. «Mio figlio è morto per i peccati di George Bush e Donald Rumsfeld. È colpa di questa amministrazione», ha dichiarato il padre, Michael Berg in un'intervista alla radio KYW-AM dalla sua casa di West Chester, in Pennsylvania. A due giorni dalla pubblicazioni su un sito Internet del video che mostra l'uccisione di Berg, sgozzato da un miliziano islamico incappucciato che, secondo i servizi statunitensi, era probabilmente Abu Musab al-Zarqawi, massimo esponente di al-Qaeda in Iraq, le polemiche non accennano a diminuire di intensità.
Il padre dell'ostaggio ha criticato l'amministrazione Bush per l'invasione dell'Iraq e per aver promosso l'adozione del «Patriot Act», definito un «colpo di Stato». «Questa non è l'America in cui io sono cresciuto», ha detto Michael Berg. Il «Patriot Act», approvato dopo gli attentati dell'11 settembre, dà ai corpi di sicurezza e alle agenzie di intelligence amplissimi poteri di controllo dei singoli cittadini, oltre che delle organizzazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400