Martedì 22 Gennaio 2019 | 13:47

NEWS DALLA SEZIONE

BRUXELLES
Ue: con 'no deal' frontiera in Irlanda

Ue: con 'no deal' frontiera in Irlanda

 
ROMA
In Congo seconda peggiore epidemia Ebola

In Congo seconda peggiore epidemia Ebola

 
BRUXELLES
Ue, politiche coloniali? non in Europa

Ue, politiche coloniali? non in Europa

 
BRUXELLES
Ue, 58% italiani teme antisemitismo

Ue, 58% italiani teme antisemitismo

 
ROMA
Spagna: bimbo in pozzo, terminato tunnel

Spagna: bimbo in pozzo, terminato tunnel

 
BERLINO
Juncker, unità franco-tedesca necessaria

Juncker, unità franco-tedesca necessaria

 
BERLINO
Merkel-Macron firmano trattatoAquisgrana

Merkel-Macron firmano trattatoAquisgrana

 
BRUXELLES
Brexit: Ue, Londra chiarisca intenzioni

Brexit: Ue, Londra chiarisca intenzioni

 
Siria: Ong, 21 i morti in raid Israele

Siria: Ong, 21 i morti in raid Israele

 
BERLINO
Macron, i nazionalismi minacciano l'Ue

Macron, i nazionalismi minacciano l'Ue

 
BERLINO
Merkel: mano nella mano con la Francia

Merkel: mano nella mano con la Francia

 

BERLINO

Ultradestra tedesca, sparare su migranti

Sconcerto per parole leader Alternative fuer Deutschland

Ultradestra tedesca, sparare su migranti

BERLINO, 31 GEN - Sconcerto in Germania per le dichiarazioni della leader del partito di estrema destra Alternative fuer Deutschland, Frauke Petry, secondo la quale la polizia dovrebbe essere autorizzata a sparare contro i migranti che cercano di entrare clandestinamente nel Paese. Dichiarazioni che hanno provocato l'immediata reazione del vicecancelliere Sigmar Gabriel, che ha detto di avere "enormi dubbi" sul sostegno dell'Afd al "libero ordine democratico". L'agenzia che in Germania controlla gli estremisti, ha aggiunto, dovrebbe tenere d'occhio il partito. Frauke Petry aveva dichiarato al quotidiano Mannheimer Morgen che la polizia "dovrebbe mettere fine agli ingressi illegali alle frontiere, anche facendo uso delle armi da fuoco se necessario". Joerg Radek, vice presidente di un sindacato di polizia, ha definito le dichiarazioni di Petry "radicali e inumane". "E' qualcosa che la Germania ha già vissuto nella sua storia e non vogliamo che avvenga più", ha aggiunto Radek.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400