Domenica 20 Gennaio 2019 | 20:32

NEWS DALLA SEZIONE

IL CAIRO
Egitto, uccisi 14 terroristi nel Sinai

Egitto, uccisi 14 terroristi nel Sinai

 
HARARE
Davos: non va presidente Zimbabwe

Davos: non va presidente Zimbabwe

 
ATENE
Grecia: proteste per Macedonia

Grecia: proteste per Macedonia

 
PARIGI
A migliaia a Parigi contro l'aborto

A migliaia a Parigi contro l'aborto

 
MADRID
Spagna: bimbo in pozzo, aiuti rallentati

Spagna: bimbo in pozzo, aiuti rallentati

 
WASHINGTON
Trump giù in sondaggi,2 anni Casa Bianca

Trump giù in sondaggi,2 anni Casa Bianca

 
WASHINGTON
Usa:5000 voli cancellati per ondata gelo

Usa:5000 voli cancellati per ondata gelo

 
BAMAKO (MALI)
Mali: attacco a Onu, morti 8 caschi blu

Mali: attacco a Onu, morti 8 caschi blu

 
CITTA' DEL MESSICO
Messico: 79 i morti nel rogo oleodotto

Messico: 79 i morti nel rogo oleodotto

 
ROMA
Polizia, bomba a Derry poteva uccidere

Polizia, bomba a Derry poteva uccidere

 
LONDRA
Ministro, con stop Brexit sarà tsunami

Ministro, con stop Brexit sarà tsunami

 

DOHA

Premio Nobel Murad,giustizia per yazide

Al Forum di Doha, 'Comunità internazionale non ci ha protetto'

Premio Nobel Murad,giustizia per yazide

DOHA, 16 DIC - Il Premio Nobel per la Pace del 2018, Nadia Murad, ha chiesto giustizia per le 6.500 vittime della comunità yazida in Iraq, donne che sono state rapite, sottoposte a violenze e vendute all'Isis. Rivolgendosi al Forum di Doha, Murad ha puntato il dito contro la comunità internazionale che - ha denunciato - "non ha impedito il genocidio e non ci ha protetto. Abbiamo ricevuto supporto in parole, ma è stato fatto molto poco per le vittime". "Se non avremo giustizia questo risuccederà. Forse l'Isis è stato sconfitto in Iraq, ma le violenze e il modo di pensare dell'Isis continuano ad esistere. Bisogna fare di più per combattere questo estremismo" ha rilevato Murad. "Il governo iracheno - ha anche incalzato il Premio Nobel - non ha fatto nulla per la comunità yazida, non ha neanche riconosciuto il genocidio subito. Finora il governo si è occupato di tutto tranne che della comunità yazida. Chiedo al governo iracheno di fare dei passi per dare fiducia agli yazidi e permettere loro di tornare a casa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400