Sabato 19 Gennaio 2019 | 10:02

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Trump: BuzzFeed? Triste per giornalismo

Trump: BuzzFeed? Triste per giornalismo

 
WASHINGTON
Trump,Mueller contesta articolo BuzzFeed

Trump,Mueller contesta articolo BuzzFeed

 
CITTÀ DEL MESSICO
Messico: 20 morti per rogo in oleodotto

Messico: 20 morti per rogo in oleodotto

 
PECHINO
Seul,secondo summit Trump-Kim sia svolta

Seul,secondo summit Trump-Kim sia svolta

 
PARIGI
Macron, migranti diminuiti per Gentiloni

Macron, migranti diminuiti per Gentiloni

 
BOGOTÀ
Colombia, Duque: 'Arrestare vertici Eln'

Colombia, Duque: 'Arrestare vertici Eln'

 
WASHINGTON
Class action contro Oracle su paga donne

Class action contro Oracle su paga donne

 
NEW YORK
Allerta tempeste in Usa, stop 500 voli

Allerta tempeste in Usa, stop 500 voli

 
PARIGI
Gilet gialli: decimo atto proteste

Gilet gialli: decimo atto proteste

 
NEW YORK
Salamé,Libia si unisca per andare avanti

Salamé,Libia si unisca per andare avanti

 
Siria: 20 uccisi in raid Usa nel sud-est

Siria: 20 uccisi in raid Usa nel sud-est

 

NEW YORK

Trump, no causa diffamazione pornostar

Giudice cita Primo Emendamento. Legale Stormy, faremo ricorso

Trump, no causa diffamazione pornostar

NEW YORK, 16 OTT - La causa per diffamazione avviata dalla porno star Stormy Daniels contro Donald Trump è stata respinta. Ma Stefanie Clifford, questo il vero nome di Stormy, non molla e tramite il suo avvocato fa sapere che farà appello contro la decisione del giudice distrettuale S. James Omero. Stormy Daniels aveva dichiarato di essere stata minacciata da un uomo sconosciuto in un parcheggio di Las Vegas nel 2011 dopo che la donna aveva deciso di cooperare con un magazine su un articolo sulla sua presunta relazione con Trump nel 2006. Dopo che il legale di Stormy aveva pubblicato uno schizzo del presunto aggressore, Trump su Twitter aveva bollato il tutto come una 'totale truffa' riguardante un 'uomo inesistente'. Su queste parole Clifford aveva basato l'azione legale per diffamazione. Ma il giudice Omero l'ha respinta: "La corte è d'accordo con la tesi di Trump, perché il suo tweet rappresenta una 'iperbole' normalmente associata con la politica. Il Primo Emendamento protegge questo tipo di dichiarazione retorica"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400