Mercoledì 14 Novembre 2018 | 23:34

NEWS DALLA SEZIONE

Presidente Israele Rivlin vedrà il Papa

Presidente Israele Rivlin vedrà il Papa

 
PARIGI
Macron a Trump, 'rispetto fra alleati'

Macron a Trump, 'rispetto fra alleati'

 
STRASBURGO
Bilancio Ue, Pe fissa priorità

Bilancio Ue, Pe fissa priorità

 
ROMA
Brexit, sì del governo Gb all'intesa

Brexit, sì del governo Gb all'intesa

 
ROMA
Libia: media, scontri a sud Tripoli

Libia: media, scontri a sud Tripoli

 
L'AVANA
Cuba ritira suoi medici dal Brasile

Cuba ritira suoi medici dal Brasile

 
STRASBURGO
Asia Bibi: Castaldo (M5S), Ue la aiuti

Asia Bibi: Castaldo (M5S), Ue la aiuti

 
LONDRA
Brexit, falchi valutano mozione sfiducia

Brexit, falchi valutano mozione sfiducia

 
ROMA
'7/a Brigata controlla scalo Tripoli'

'7/a Brigata controlla scalo Tripoli'

 
WASHINGTON
Reporter cacciato da Trump, Fox con Cnn

Reporter cacciato da Trump, Fox con Cnn

 
MOSCA
Stop forzato in Siberia per Boeing

Stop forzato in Siberia per Boeing

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

NEW YORK

Trump, no causa diffamazione pornostar

Giudice cita Primo Emendamento. Legale Stormy, faremo ricorso

Trump, no causa diffamazione pornostar

NEW YORK, 16 OTT - La causa per diffamazione avviata dalla porno star Stormy Daniels contro Donald Trump è stata respinta. Ma Stefanie Clifford, questo il vero nome di Stormy, non molla e tramite il suo avvocato fa sapere che farà appello contro la decisione del giudice distrettuale S. James Omero. Stormy Daniels aveva dichiarato di essere stata minacciata da un uomo sconosciuto in un parcheggio di Las Vegas nel 2011 dopo che la donna aveva deciso di cooperare con un magazine su un articolo sulla sua presunta relazione con Trump nel 2006. Dopo che il legale di Stormy aveva pubblicato uno schizzo del presunto aggressore, Trump su Twitter aveva bollato il tutto come una 'totale truffa' riguardante un 'uomo inesistente'. Su queste parole Clifford aveva basato l'azione legale per diffamazione. Ma il giudice Omero l'ha respinta: "La corte è d'accordo con la tesi di Trump, perché il suo tweet rappresenta una 'iperbole' normalmente associata con la politica. Il Primo Emendamento protegge questo tipo di dichiarazione retorica"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400