Domenica 16 Dicembre 2018 | 06:56

NEWS DALLA SEZIONE

WASHINGTON
Usa: Trump visita cimitero di Arlington

Usa: Trump visita cimitero di Arlington

 
ROMA
Clima:via libera a regole accordo Parigi

Clima:via libera a regole accordo Parigi

 
TRENTO
Funerali in Duomo Trento per Megaliszzi

Funerali in Duomo Trento per Megaliszzi

 
PARIGI
Gilet gialli, tre 'Marianne' a seno nudo

Gilet gialli, tre 'Marianne' a seno nudo

 
SAN PAOLO
Battisti, agenti italiani in Brasile

Battisti, agenti italiani in Brasile

 
BEIRUT
Siria: Usa, 'l'Isis ha i giorni contati'

Siria: Usa, 'l'Isis ha i giorni contati'

 
TEL AVIV
Olp condanna Australia per Gerusalemme

Olp condanna Australia per Gerusalemme

 
PARIGI
Gilet gialli, 1' silenzio per Strasburgo

Gilet gialli, 1' silenzio per Strasburgo

 
MOSCA
Ucraina: nuovo capo chiesa indipendente

Ucraina: nuovo capo chiesa indipendente

 
TEL AVIV
Gerusalemme: Israele plaude a Australia

Gerusalemme: Israele plaude a Australia

 
PARIGI
Gilet gialli: 8/a vittima,confine Belgio

Gilet gialli: 8/a vittima,confine Belgio

 

NEW DELHI

India: nasce database degli stupratori

Ma le organizzazioni per diritti donne scettiche su utilità

India: nasce database degli stupratori

NEW DELHI, 22 SET - L'India ha lanciato un registro nazionale dei condannati per violenza sessuale, NDSO National Database Sexual Offenders. Un comunicato stampa del Ministero degli Interni informa che, contemporaneamente al database, per rafforzare la sicurezza delle donne indiane è stato lanciato anche il portale cybercrime.gov.in, dove si potranno segnalare tutti i contenuti online legati alla pedofilia, agli abusi sui minori o che mostrino esplicitamente violenze sessuali o stupri.Il registro, che sarà accessibile alle forze dell'ordine e agli inquirenti, ma non al pubblico per ragioni di privacy, conta oltre 440 mila schede di persone già condannate: oltre ai nominativi, contiene le foto, l'indirizzo, le impronte digitali, e il codice Dna di tutte le persone precedentemente condannate. E' il tentativo del governo di dotarsi di un ennesimo strumento per contrastare il fenomeno in aumento: una ricerca della Thompson Reuters Foundation, lo scorso giugno, ha definito l'India il paese più pericoloso al mondo per le donne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400