Lunedì 22 Ottobre 2018 | 04:24

NEWS DALLA SEZIONE

MODA | PRIMAVERA/ESTATE 2019
MODA - Un momento della sfilata delle creazioni di Prada

Prada porta a Milano le regine «anarchiche»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

sfilate a milano

Armani: la mia risposta
è al tempo presente

Armani

di Venera Elisa Fichera

MILANO - Continuano a pieno ritmo le sfilate milanesi dedicate alle collezioni donna autunno/inverno 2018-19. 
«Ho sempre pensato al mio lavoro come una risposta al tempo presente, perché gli abiti influenzano comportamenti e modi di essere. Per questa stagione ho immaginato una collezione senza confini, ricca, che attinge a molte culture per creare una moda in cui la compresenza si oppone all’esclusione. A legare tutto, il mio gusto per l’eleganza lineare». Queste le parole di Giorgio Armani riguardo alla sua collezione dove sconfinamenti e inclusioni catturano l’atmosfera di oggi. L’eleganza Armani accoglie tracce di altre culture per sublimarle in sofisticate astrazioni. Segni, echi, rimandi si mescolano in un linguaggio forte in cui il velluto nero incontra tocchi vivaci di rosso e fucsia o il grigio del meraviglioso lungo abito bustier. La luce della maglia metallica illumina un sensuale apron dress e il tailleur pantalone. Lunghi cappotti, piccole giacche, pantaloni dai volumi ampi, gonne con orli asimmetrici, abiti essenziali sono combinati seguendo percorsi liberi cui sottende la lucidità del rigore morbido.

Un sensuale cortocircuito di corpo e abito, bodyskin e maglia per la preziosa collezione disegnata da Angela Missoni per Missoni. Un omaggio a un solare e informale sex-appeal d’impronta caraibica per un’eleganza multiculturale e metropolitana che spazia dai colori giamaicani, dalla pittura espressionista all’arte dei graffiti, da Angela Davis a Lisa Bonet. Nudità e trasparenze di reti e tessuti impalpabili e fluttuanti convivono e si contrappogono. La memoria della maglia incontra innovazioni sempre più ardite, inaspettate, declinata in un libero accostarsi e sovrapporsi di consistenze di texture.

«Ready for departure» da Fay by Arthur Arbesser. Emma Watson e Ryan Gosling sono le icone a cui si ispira il nuovo direttore creativo. Femminile, introversa ma decisa lei; elegante, curioso e intrigante lui.

Aggettivi che si riflettono sui capi iconici, qui sapientemente reinterpretati grazie a un inedito uso dei colori e dei materiali. Il navy blue diventa brillante oppure opaco a seconda dei supporti, i verdi e il caramello sono intensi e profondi mentre i rosa e i lilla hanno toni insieme decisi ed eleganti. Le stampe, dichiaratamente geometriche, si fanno spazio tra i materiali più classici. La riga diventa multicolore, si moltiplica e interseca fino a farsi base per una fantasia di pois colorati.

Dai capi classici fino ai più innovativi la collezione propone tessuti moderni e performanti, rifiniti con dettagli dallo spiccato carattere. L’uomo e la donna si uniscono in un linguaggio parallelo in cui il guardaroba si mescola in un interessante gioco di colori e proporzioni.

Nel Giaccone 4 Ganci, ispirato dalle uniformi dei pompieri americani e rilanciato nel 2017 in una limited-edition, il gancio diventa un vero e proprio oggetto di culto.

«In questi mesi ho lavorato sul brand Fay con grandissimo entusiasmo e massimo rispetto» afferma Arthur Arbesser: «Considero una grande opportunità poter lavorare su un heritage così importante e proporre un’immagine contemporanea ma fedele al tempo stesso».

Monica Vitti incarna lo spirito della collezione Elisabetta Franchi. Carismatica, affascinante e dotata di un’intelligenza viva. Femminile e ironica la donna Elisabetta Franchi indossa una palette vivace e variegata spaziando dal giandua che domina gli accessori di gusto seventies mentre la nuance zucchero filato si mescola ai toni decisi del petrolio riversandosi nelle lunghezze degli abiti e dei pantaloni a palazzo.

Nell’inverno di Ermanno Scervino, infine, sbocciano sugli abiti da sera ruches d’organza all’uncinetto dal savoir-faire autenticamente fiorentino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400