Sabato 24 Luglio 2021 | 04:09

Il Biancorosso

serie c
Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraCasa Cava
Danzasia, l'evento tra essenza e memoria nei Sassi di Matera

Danzasia, l'evento tra essenza e memoria nei Sassi di Matera

 
BariIl restauro
Bari vecchia, l'edicola votiva della Madonna con anime purganti torna al suo antico splendore

Bari vecchia, l'edicola votiva della Madonna con anime purganti torna al suo antico splendore

 
TarantoL'impatto
Taranto, finisce contro un muro in moto: morto 35enne di Brindisi

Taranto, finisce contro un muro in moto: morto 35enne di Brindisi

 
PotenzaIl caso
Potenza, truffe on line: nove denunciati, hanno preso 12 mila euro

Potenza, truffe on line: nove denunciati, hanno preso 12 mila euro

 
Foggiala polemica
Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

Foggia, non ancora attivati presidi medici nelle località turistiche

 
Cinema e Spettacolimusica
Nando Popu nell'ultimo lavoro del cantautore  Martix

Nando Popu nell'ultimo lavoro del cantautore Martix

 
HomeBrutale aggressione
Latiano, intera famiglia aggredita in piazza: tre arresti

Latiano, intera famiglia aggredita in piazza: tre arresti

 

i più letti

Sandrelli testimonial

Martino Midali, così vesto le donne vere

Esce il libro dello stilista Martino Midali «La stoffa della mia vita, un intreccio di trama e ordito»

Martino Midali (foto da www.martinomidali.com)

Martino Midali (foto da www.martinomidali.com)

ROMA - Agli inizi della sua carriera nella moda come stilista, Martino Midali vestiva le signore milanesi, come lui stesso racconta nella sua biografia, «La stoffa della mia vita, un intreccio di trama e ordito» (185 pagine, 16 euro, edito da Cairo), scritta con Cinzia Alibrandi e presentata nella capitale, nell’ambito degli eventi di Altaroma, dopo un recente debutto a Milano. «Oggi vesto le radical chic di molti paesi». Un genere femminile in cui potrebbe rientrare anche l’attrice Stefania Sandrelli, che ha lo stilista ha scelto come testimonial e madrina della presentazione della biografia nella capitale.

Conosciuto per l’uso dei colori accesi, da sempre sua cifra stilistica, e per la vestibilità e comodità delle sue linee, Midali, classe 1952, originario di Mignete, storica città lodigiana, si trasferisce a Milano giovanissimo, dove comincia la sua scalata nel mondo della moda. Fin da subito si distingue per essere uno stilista vicino alle donne 'verè, che tanto ama, ponendosi come missione principale quella di valorizzare il loro corpo. Oggi si parla tanto di inclusione e di curvy, ma «La mia natura - rivela infatti lo stilista - è sempre stata quella di esaltare la bellezza femminile, in ogni sua forma». Invece, "lidea di scrivere un libro sulla mia vita mi è stata suggerita: 'Piacere, mi chiamo Maria e vesto da vent'anni Martino Midali. Immagino che l’armonia irregolare dei suoi vestiti appartenga anche alla sua vita. Mi piacerebbe tanto leggere di lei in un libro, penso che dovrebbe scrivere la sua biografia"'.

La storia di Martino Midali è quella di un self made man, nato in una semplice famiglia nel minuscolo borgo lombardo. Ogni capitolo corrisponde a un gradino sulla scala del successo: i primi passi nel mondo della moda, il trasferimento in una Milano proiettata verso il futuro, la grande intuizione sull'uso del jersey, le prime vendite in proprio, l’inaugurazione di uno showroom a Milano, i grandi buyer americani come Henri Bendel e l'apertura di due punti vendita a New York frequentati da molte star, il trionfo degli anni Ottanta dove «vestire Midali" equivale a essere parte di un modo tutto nuovo di sentirsi donna. Un viaggio sul filo dei ricordi, accompagnato dalla giornalista Cinzia Alibrandi, per scoprire un’anima gipsy mai placata, che coniuga la forza della terra da cui proviene con la leggerezza racchiusa tra le pieghe delle sue creazioni.

Ma la biografia non è solo la storia di uno stilista che si è fatto da solo e che ha saputo entrare in sintonia con i mutevoli desideri delle donna, ma anche il racconto di un’azienda del made in Italy che negli anni è cresciuta in Italia e all’estero e oggi distribuisce e commercializza oltre 300.000 capi l’anno, conta circa 230 dipendenti e 60 punti vendita monomarca distribuiti su tutto il territorio italiano e 3 su quello spagnolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie