Mercoledì 22 Settembre 2021 | 01:31

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Fino al 9 dicembre

Photo Vogue Festival, a Milano la mostra dedicata al fotografo norvegese Sølve Sundsbø

L'artista ha rivoluzionato il linguaggio fotografico grazie a diversi tipi di illuminazione e tecniche non tradizionali come raggi x e scansioni 3D

Photo Vogue Festival, a Milano la mostra dedicata al fotografo norvegese Sølve Sundsbø

Un’opera del visionario fotografo norvegese Sølve Sundsbø: “Elena in Gaultier”, da Numéro #91, 2007.

Milano. Nelle prestigiose stanze dell’Appartamento del Principe di Palazzo Reale a Milano è possibile visitare, fino al 9 dicembre 2018, la mostra monografica dedicata al fotografo norvegese Sølve Sundsbø, una delle voci più innovative della fashion photography contemporanea, presentata nell’ambito della terza edizione del Photo Vogue Festival, presieduto da Emanuele Farneti e diretto dalla Visual Director Alessia Glaviano, che quest’anno ha visto protagonista, tra gli eventi collaterali, anche la Puglia. In qualità di “destination partner” dell’evento, infatti, Pugliapromozione, Agenzia Regionale del Turismo, ha proposto, nello spazio Base Milano, un racconto inedito della regione mediante l’obiettivo di tre fotografi internazionali: Elliott Verdier, Sonia Szóstak e Timo Kerber.


“Beyond the still Image”, l’esposizione curata da Alessia Glaviano e Michael Van Horne,promossa e prodotta da Vogue Italia in collaborazione con il Comune di Milano – Cultura e Palazzo Reale e con il sostegno di Art + Commerce, propone: “un’immersione nell’immaginifico universo dell’artista attraverso un percorso composto da foto iconiche e opere inedite, video, proiezioni e installazioni site-specic per approfondire una poetica che ha fatto dell’uso pionieristico della tecnologia la propria cifra stilistica e della sfida alla bidimensionalità della fotografia la sua ragione poetica.
Sølve Sundsbø ha saputo rivoluzionare il linguaggio della fashion photography mediante complesse e sofisticate composizioni ottenute grazie all’uso visionario di diversi tipi di illuminazione e di tecniche non tradizionali come raggi x e scansioni 3D, ossia attraverso una iperscrittura dell’immagine che non ha remore a utilizzare le più disparate risorse che il progresso tecnico e scientifico mette oggi a disposizione dell’artista”, dichiara il Direttore artistico del Photo Vogue Festival Alessia Glaviano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie