Lunedì 10 Dicembre 2018 | 17:20

NEWS DALLA SEZIONE

Fino al 9 dicembre
Photo Vogue Festival, a Milano la mostra dedicata al fotografo norvegese Sølve Sundsbø

Photo Vogue Festival, a Milano la mostra dedicata al fotografo norvegese Sølve Sundsbø

 
Moda
Tod's No_Code, nasce la Shoeker, dal matrimonio tra shoe+sneaker

Tod's No_Code, nasce la Shoeker, dal matrimonio tra shoe+sneaker

 

tendenze

Come dame del '700
in questa primavera/estate

Chanel

Una moderna Marie Antoniette si aggira nelle metropoli contemporanee indossando zuccherosi candy colors. Le collezioni moda primavera/estate 2018 rendono omaggio al Settencento. Si torna a corte, nelle ambientazioni color pastello della Versailles rivisitata dalla regista Sofia Coppola per la sua Marie Antoniette in versione pop che indossa sneaker e Manolo Blahnik. Ma sono i meravigliosi abiti creati per lei dalla costumista premio Oscar Milena Canonero tinti dai colori delle caramelle e dello zucchero filato i veri protagonisti. Lei incoronata regina a soli 19 anni diventa presto una capricciosa icona di stile. La sua couturière personale Rose Bertin è ammessa nelle sue stanze per creare ogni stagione il lussuoso guardaroba che comprende 12 nuovi grand habits per le occasioni speciali e 12 petit robes, oltre agli abiti per il tempo libero, insieme al parrucchiere Leonard Autié che realizza i “puof”, complesse impalcature per le acconciature, Marie Antoinette ama le piume tra i capelli.

Quando si trasferisce nel prezioso villaggio rurale costruito per lei nei giardini privati del Petit Trianon, lussuoso castello nella tenuta di Versailles regalo del marito Luigi XVI, preferisce invece un leggero abito bianco in mussola, la “Chemise à la Reine”, che rompe con la tradizione.

Nel 1776 nascono le corporazioni dei Merchandes de Modes, artigiani che si occupano della progettazione e della confezione di abiti e accessori e della lavorazione di piume e fiori.

E parlando di fiori non possiamo dimenticare quello che impera in questo secolo su abiti, porcellane, nei ritratti femminili, nei motivi degli arredi: la rosa, il fiore di Venere.

Oggi come ieri, nelle creazioni Chanel Haute Couture p/e18, disegnate da Karl Lagerfeld, la palette delicata vanta tonalità che spaziano dal bianco al rosa, limone e menta, in un trionfo di piume, perle, tulle di seta e profumati bouquet floreali che vivono anche nei ricami.

Il Museo del Tessuto di Prato propone attualmente due mostre al riguardo: “Il Capriccio e la Ragione. Eleganze del Settecento Europeo”, fino al 29 aprile 2018, e “ Marie Antoniette. I Costumi di una Regina da Oscar”, fino al 27 maggio 2018. [Venera Elisa Fichera]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400