Martedì 28 Settembre 2021 | 16:48

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

pisticci

Un «laboratorio urbano»
per salvare il rione Dirupo

Archi a rischio a Pisticci «Si stanno sgretolando»

PISTICCI - Percorsi condivisi per valorizzare la naturale vocazione del territorio con l’aspirazione di un gruppo giovane, ampio e assortito che prova a scommettere sul territorio nel tentativo di darsi e dargli un futuro. In sintesi è questa la sfida lanciata da Plus Hub (Pisticci Laboratorio Urbano Sostenibile) la neonata associazione presentata nella città basentana che chiede più inclusione, integrazione tra comunità, amministrazione e mondo scientifico, attenzione alle istanze dal basso, volontà di risolvere l’annosa questione del rione Dirupo, in cui si concentrano potenzialità e problematiche del territorio.

Plus, che si è presentata a Palazzo Giannantonio, è frutto di un percorso che ha avuto tra i suoi interlocutori anche Gaia Daldanise, ricercatrice della Federico II e del Cnr di Napoli e il Dicem dell’Unibasilicata (presenti Piergiuseppe Pontrandolfi e Angela Colonna). Obiettivi ambiziosi per l’associazione presieduta da Laura Stabile, che ha riscosso grande entusiasmo nell’Amministrazione comunale di Pisticci, presente con il sindaco, Viviana Verri e il presidente del Consiglio comunale, Giampiero Andrulli. Quartier generale del progetto saranno 6 “lammie” in via Ricciotti: un contenitore pubblico abbandonato e privo di funzione specifica, individuato come hub fisico e concettuale di Plus. «Da qui - ha spiegato il vice presidente di Plus Hub, Giuseppe D’Onofrio - lanceremo la nostra sfida: risvegliare idee, progettualità e voglia di fare impresa e investire a Pisticci».

Le potenzialità del rione devono fare i conti, però, con i limiti da superare per dare concretezza alla rimozione del decreto di trasferimento. Sul punto il capo servizio dell’Ufficio Urbanistica comunale, Salvatore Giannace, ha spiegato le difficoltà che impediscono di trasformare il Dirupo in zona nella quale si possa almeno intervenire per conservare l’esistente: la questione è ferma ad una complessa interlocuzione tra il Comune e l’Autorità di Bacino, rispetto alla quale si è impegnato ad intervenire l’assessore regionale alle Infrastrutture, Nicola Benedetto. [p.miol.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie