Martedì 16 Luglio 2019 | 14:45

NEWS DALLA SEZIONE

Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 
Il caso
Basilicata, un miliardo e 800 milion: ecco il tesoro del petrolio

Basilicata, un miliardo e 800 milioni: ecco il tesoro del petrolio

 
Operazione dei carabinieri
Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

 
L'annuncio
Matera: da settembre arriva il test di screening prenatale, un prelievo per rilevare anomalie

Matera: da settembre arriva il test di screening prenatale, un prelievo per rilevare anomalie

 
L'annuncio
James Bond: ad agosto il set del nuovo film arriva a Matera

James Bond: ad agosto il set del nuovo film arriva a Matera

 
A marconia (Mt)
Era ricercato da marzo: carabiniere fuori servizio intercetta pregiudicato e lo fa arrestare

Era ricercato da marzo: carabiniere fuori servizio intercetta pregiudicato e lo fa arrestare

 
Nel Materano
Si spacciano per avvocati e derubano anziani: 2 arresti a Tricarico

Si spacciano per avvocati e truffano anziani: 2 arresti a Tricarico

 
L'episodio
Matera, ferisce la rivale e la manda in ospedale: arrestata 41enne

Matera, ferisce la rivale e la manda in ospedale: arrestata 41enne

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel tarantino
Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: chiesto ergastolo

Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: chiesto ergastolo

 
FoggiaIndagano i cc
Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

Foggia, migranti presi a sassate mentre vanno a lavorare nei campi: 2 feriti

 
BatIl caso
Bisceglie, in 5 a giudizio per gestione Salsello, Procura di Lecce: «Accertamenti sull'indagine»

Bisceglie, in 5 a giudizio per gestione Salsello, Procura di Lecce: «Accertamenti sull'indagine»

 
LecceIl vertice
Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

Lecce, via libera ai concerti in Piazza Libertini

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 
MateraUna coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
BrindisiDalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 

i più letti

il tavolo tra le regioni puglia e basilicata

Parco rupestre Jesce
tra lavori in corso e dubbi

L'ente Parco della Murgia chiede una audizione sugli interventi di risagomatura

Parco rupestre Jesce tra lavori in corso e dubbi

di Donato Mastrangelo

MATERA - Un tavolo comune per risolvere le criticità relative all’inquinamento del torrente Jesce. Regione Basilicata e Regione Puglia, con i rispettivi enti competenti sui due territori, si sono finalmente confrontate sulle questioni ambientali che investono il corso d’acqua situato nell’area protetta, affrontando, peraltro, anche le problematiche che afferiscono il torrente Gravina.

Un incontro, quello che si è svolto nella sede dell’Ente Parco della Murgia Materana, convocato dall’assessore regionale all’Ambiente Francesco Pietrantuono, giudicato proficuo dal presidente dello stesso Ente Parco, Pierfrancesco Pellecchia. «È stato fatto il punto sullo stato di avanzamento delle opere - dichiara Pellecchia - e, per quanto concerne il versante barese l’Acquedotto Pugliese ha confermato che l’impianto di depurazione di Gravina in Puglia e che scarica nel Gravina di Picciano, è praticamente in fase di collaudo e dovrebbe essere funzionante nel giro di un mese, un mese e mezzo. Per quanto riguarda l’impianto di depurazione di Altamura, invece, è in fase di completamento e, una volta effettuato il collaudo dovrebbe essere operativo entro il prossimo giugno e quindi dare una risposta concreta alle criticità degli scarichi che finiscono nello Jesce nel tratto della Puglia». Pellecchia insieme ai funzionari dell’Arpab ha anche posto la questione degli scarichi anomali dopo i campionamenti eseguito dalla stessa Agenzia di protezione ambientale della Regione Basilicata lo scorso febbraio in località Tre Ponti, riscontrando una concentrazione di parametri chimici, fosforo totale e tensioattivi con elevato inquinamento organico. L’assessore alle risorse idriche e tutela delle acque della Regione Puglia, Giovanni Giannini, avrebbe assunto l’impegno di predisporre con gli organi di Polizia Ambientale un monitoraggio degli scarichi in territorio pugliese con particolare riferimento alle aziende zootecniche che operano nella zona. Stesso impegno del quale si è fatto carico l’assessore Pietrantuono, potendo contare anche sul supporto della Provincia di Matera.

La Regione Puglia, per la sistemazione del torrente Jesce, ha messo in campo 9 milioni di euro oltre agli interventi che afferiscono il depuratore di Altamura. I lavori riguardano un tratto di circa 9 chilometri. Proprio il tratto centrale di circa 4,3 chilometri, è quello maggiormente attenzionato dagli ambientalisti. In quel punto, infatti, è prevista un intervento di sagomatura con cemento e pietra calcarea che aveva destato le riserve delle associazioni. «Su questo aspetto - ha detto Pellecchia - abbiamo chiesto alla Regione Puglia - di essere auditi nell’ambito di una conferenza di servizi».

C’è poi la questione sempre aperta del tratto del torrente Gravina nel territorio lucano. «Acquedotto Lucano - ha detto il presidente dell’Ente Parco della Murgia - è in forte ritardo sull’intervento finanziato dalla Regione Basilicata con 9 milioni di euro per la riqualificazione funzionale degli impianti di depurazione Pantano, Serra e Lamione. A queste problematiche si aggiungono quelle degli scarichi a cielo aperto nei Sassi». Intanto l’assessore alla Pianificazione strategica Vincenzo Acito, presente all’incontro di ieri con l’assessore Antonella Prete, ha annunciato che «all’interno dei Fondi Strutturali erogati dalla Regione Basilicata al Comune, sono stati destinati 4 milioni di euro per gli interventi del disinquinamento della Gravina attraverso la regimentazione delle acque».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie