Lunedì 20 Settembre 2021 | 00:40

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Una petizione lanciata sul web per chiudere i pozzi petroliferi

di FILIPPO MELE

SCANZANO JONICO - «In sette giorni abbiamo raccolto, alle 18 di ieri, 1849 firme a sostegno della petizione che abbiamo lanciato su change.org indirizzata al presidente della Regione, Marcello Pittella, ed a tutti i consiglieri regionali, per chiudere tutti i pozzi petroliferi in Basilicata. Siamo molto soddisfatti di come sta andando la nostra iniziativa per ora diffusa solo sulla rete». Lo ha detto Pasquale Stigliani, responsabile comunicazione di ScanZiamo le scorie, l’associazione antinucleare nata lo stesso 13 novembre 2003 in cui il Governo Berlusconi aveva decretato di ubicare il Deposito nazionale delle scorie radioattive nei deposti sotterranei di salgemma di Terzo Cavone.

Da allora, però, gli obiettivi del gruppo, presieduto da Donato Nardiello, si sono, come dire, evoluti dal solo “Nucleare? No, grazie” abbracciando tutte le tematiche della difesa dell’ambiente. «Come dice – ha continuato il nostro interlocutore – il nostro statuto. Noi siamo per la salvaguardia del territorio non solo di Scanzano Jonico, dove siamo nati e dove abbiamo la nostra sede, ma di tutta la Basilicata. La nostra petizione per bloccare le trivelle, dunque, ha proprio questa finalità: salvare la nostra natura da una pratica che consideriamo inquinante e che non si concilia con le nostre possibilità di sviluppo in agricoltura e turismo».

Il portavoce del movimento ecologista è come un “fiume in piena”: «Le estrazioni petrolifere vanno costantemente monitorate e controllate. E producono rifiuti che sono anche radioattivi. Avremo, quindi, da una parte le trivelle, dall’altra i centri di stoccaggio dei residui delle attività estrattive. No, noi diciamo basta. E chiediamo a tutti di sostenere la nostra iniziativa. Temiamo fortemente, altresì, che le attività petrolifere possano interessare i mari e, quindi, anche lo Jonio ed il Golfo di Taranto. Intanto, in molte nazioni europee, Germania in testa, ed anche in qualche regione d’Italia, vedi il Trentino Alto Adige, si sta puntando sempre più sulle energie verdi abbandonando il petrolio». Come si svilupperà l’azione di raccolta firme da parte di ScanZiamo le scorie? Stigliani: «Per ora la petizione di sta sviluppando sulla rete. Ma non escludiamo momenti di sensibilizzazione dei cittadini anche con incontri pubblici e convegni. Basta col petrolio in Basilicata. Mobilitiamoci per chiudere i pozzi sul nostro territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie