Domenica 28 Febbraio 2021 | 13:44

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
Il caso
Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

Stalking, lesioni all'ex moglie: obbligo di dimora a Matera

 
La polemica
Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

Matera, addetto stampa al Comune: Odg e Assostampa contro scelta «selettiva»

 
Gli episodi andavano avanti dal 2016
Impediva alla compagna di uscire di casa e la picchiava: arrestato a Matera

Impediva alla compagna di uscire di casa e la picchiava: arrestato a Matera

 
GdF
Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

Matera, ha fatto fallire 5 società: arrestato imprenditore

 
Il virus
Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

 
indagini dei CC
Matera, spaccio di droga tra minorenni e studenti: nei guai 8 baby pusher

Matera, spaccio di droga tra minorenni e studenti: nei guai 8 baby pusher

 
Contagi
Coronavirus, a Matera positivo collaboratore vescovo, chiusi uffici

Coronavirus, a Matera positivo collaboratore vescovo, chiusi uffici

 
Il virus
Covid 19, il sindaco di Matera: «Aumento casi dovuto a imprudenza»

Covid 19, il sindaco di Matera: «Aumento casi dovuto a imprudenza»

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'emergenza
Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

 
FoggiaControlli dei CC
S.Giovanni Rotondo, in auto con cocaina e marijuana: nei guai un 25enne incensurato

S.Giovanni Rotondo, in auto con cocaina e marijuana: 25enne incensurato nei guai

 
Potenzala protesta
Potenza, appeso striscione contro ministro Speranza in via Vaccaro

Potenza, appeso striscione contro ministro Speranza in via Vaccaro

 
LecceL'emergenza
Lecce, paziente positivo al Covid: chiude Neurologia al Vito Fazzi

Lecce, paziente positivo al Covid: chiude Neurologia al Vito Fazzi

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Coltivano piante cannabis due arresti a Bernalda

Coltivano piante cannabis due arresti a Bernalda
MATERA – Con le accuse di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti, agenti del Commissariato di di Pisticci (Matera) della Polizia hanno arrestato in flagranza di reato a Bernalda (Matera) Francesco Favale di 33 anni, con precedenti penali, e Roberto Silletti, di 24, incensurato. I due, al termine dell’udienza di convalida, hanno ottenuto la misura degli arresti domiciliari.

I particolari dell’operazione, denominata Carpe Diem, sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa da Gianni Albano, responsabile del commissariato di Pisticci, e da Luisa Fasano (responsabile relazioni esterne della Questura di Matera).

La Polizia, che circa un mese fa aveva avviato indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Matera Salvatore Colella, ha sequestrato in contrada Lumella di Bernalda dieci piante di cannabis indica per un peso complessivo di 16 chilogrammi. Le piante giunte a maturazione, e con un elevato principio attivo, avrebbero portato alla produzione di dieci chilogrammi di sostanza stupefacente per un valore di mercato di 50 mila euro. L’arreso dei due e il sequestro della piantagione è avvenuto in aree demaniale, in un luogo ricoperto da macchia mediterranea. Le piante si trovavano in un luogo protetto da una rete metallica e innaffiate periodicamente con un tubo di gomma.

Gli inquirenti non hanno escluso che altre persone siano state coinvolte nella coltivazione illegale, data l’impervietà dei luoghi e la pazienza nel portare l’acqua in zona con delle taniche per innaffiare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie