Domenica 15 Settembre 2019 | 17:54

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Materano
Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

 
L'agguato
Policoro, prese un pugno in faccia durante raid in azienda agricola: muore dipendente 79enne

Policoro, prese un pugno in faccia durante raid in azienda agricola: muore dipendente 79enne

 
L'indiscrezione
Matera, il sindaco conferma: «007 lascerà alla città 12 mln di euro»

Matera, il sindaco conferma: «007 lascerà alla città 12 mln di euro»

 
nel materano
Policoro, GdF scopre crac società agroalimentare: distratti 10mln di euro

Policoro, GdF scopre crac società agroalimentare: distratti 10mln di euro

 
Nel Materano
Aliano, allestiscono bancarella e vendono canapa vietata: denunciati due giovani

Aliano, allestiscono bancarella e vendono canapa vietata: denunciati due giovani

 
Mibac
Sindaco di Matera: «È un bene non accorpare Basilicata alla Puglia»

Sindaco di Matera: «È un bene non accorpare musei Basilicata a Puglia»

 
Il caso
Matera, tenta omicidio durante Festa della Bruna nel 2017: un indagato

Matera, tenta omicidio durante Festa della Bruna nel 2017: un indagato

 
Nel Materano
Policoro, rubano nel centro commerciale: arrestati in 4

Policoro, rubano nel centro commerciale: arrestati in 4

 
Occupazione abusiva
Metaponto, turista inglese torna a casa ma la trova occupata da 9 migranti: denunciati

Metaponto, turista inglese torna a casa ma la trova occupata da 9 migranti: denunciati

 
Maltempo
Giovani materani intrappolati nell’inferno del tifone «Faxai» in Giappone

Giovani materani intrappolati nell’inferno del tifone «Faxai» in Giappone

 

Il Biancorosso

Serie C
Il nuovo Bari ricomincia da tre

Il nuovo Bari ricomincia da tre

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNel foggiano
Cerignola, in casa hashish e una targa clonata: arrestato 26enne

Cerignola, in casa hashish e una targa clonata: arrestato 26enne

 
TarantoL'iniziativa
«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

«Basta con i decreti ammazza-Taranto»: il flash-mob in piazza

 
BatLa difesa
Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

 
BrindisiNel brindisino
S.Michele Salentino come Milano: la scuola regala borracce e diari ecologici

S.Michele Salentino come Milano: la scuola regala borracce e diari ecologici

 
LecceSulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
PotenzaA reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
MateraNel Materano
Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

 

i più letti

Coltivano piante cannabis due arresti a Bernalda

Coltivano piante cannabis due arresti a Bernalda
MATERA – Con le accuse di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti, agenti del Commissariato di di Pisticci (Matera) della Polizia hanno arrestato in flagranza di reato a Bernalda (Matera) Francesco Favale di 33 anni, con precedenti penali, e Roberto Silletti, di 24, incensurato. I due, al termine dell’udienza di convalida, hanno ottenuto la misura degli arresti domiciliari.

I particolari dell’operazione, denominata Carpe Diem, sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa da Gianni Albano, responsabile del commissariato di Pisticci, e da Luisa Fasano (responsabile relazioni esterne della Questura di Matera).

La Polizia, che circa un mese fa aveva avviato indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Matera Salvatore Colella, ha sequestrato in contrada Lumella di Bernalda dieci piante di cannabis indica per un peso complessivo di 16 chilogrammi. Le piante giunte a maturazione, e con un elevato principio attivo, avrebbero portato alla produzione di dieci chilogrammi di sostanza stupefacente per un valore di mercato di 50 mila euro. L’arreso dei due e il sequestro della piantagione è avvenuto in aree demaniale, in un luogo ricoperto da macchia mediterranea. Le piante si trovavano in un luogo protetto da una rete metallica e innaffiate periodicamente con un tubo di gomma.

Gli inquirenti non hanno escluso che altre persone siano state coinvolte nella coltivazione illegale, data l’impervietà dei luoghi e la pazienza nel portare l’acqua in zona con delle taniche per innaffiare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie