Venerdì 19 Luglio 2019 | 21:33

NEWS DALLA SEZIONE

Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 
Il caso
Basilicata, un miliardo e 800 milion: ecco il tesoro del petrolio

Basilicata, un miliardo e 800 milioni: ecco il tesoro del petrolio

 
Operazione dei carabinieri
Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

«Presepe nei Sassi» Il direttore artistico sollevato dall’incarico

di DONATO MASTRANGELO
MATERA - Sollevata dall’incarico «per ragioni di opportunità ambientale». Con questa motivazione, pochi giorni prima di Natale, Susanna Tartari, esperta in rievocazioni storiche, è stata sollevata dall’incarico di direttore artistico dal comitato organizzatore del Presepe Vivente che si svolgerà nei Sassi dal 2 al 5 gennaio 2015
«Presepe nei Sassi» Il direttore artistico sollevato dall’incarico
di DONATO MASTRANGELO

MATERA - Sollevata dall’incarico «per ragioni di opportunità ambientale». Con questa motivazione, pochi giorni prima di Natale, Susanna Tartari, esperta in rievocazioni storiche, è stata sollevata dall’incarico di direttore artistico dal comitato organizzatore del Presepe Vivente che si svolgerà nei Sassi dal 2 al 5 gennaio 2015. Soltanto pochi giorni fa, la professionista di Ferrara, alla quale dallo scorso anno era stata affidata la direzione artistica dell’evento, si era fermata a Matera per coordinare i lavori nei luoghi dove verrà riproposta la rappresentazione storica della Natività del Signore.

«La decisione – sostiene Tartari, raggiunta per telefono – mi è stata comunicata attraverso una lettera con la quale il comitato a firma di Luca Prisco mi comunica che per sopravvenute ragioni di opportunità ambientali non ci sono più le condizioni per proseguire il rapporto di lavoro, ritenendo quindi di procedere al recesso del mio contratto. Ovviamente sono molto dispiaciuta per questa decisione perché come sempre mi ero dedicata con slancio, passione e professionalità ad un progetto nel quale credevo e credo tanto. Ho dato l’anima per il presepe vivente di Matera e ringrazio le Pro Loco. A loro chiedo di andare avanti con l’impegno di sempre».

Tartari nei giorni scorsi ha anche indirizzato una lettera aperta alla stampa. E, probabilmente, in alcuni passaggi, va forse ricercata la chiave che ha innescato la frattura con gli organizzatori. Da un lato l’idea di rievocare «la Betlemme e la nascita di Gesù che viene descritta nei Vangeli di Luca e Matteo».
Dall’altro la difficoltà a dover fronteggiare scelte come «la parte rievocativa nel Sasso Barisano, dove vediamo in scena quadri che raccontano una Roma del I e II secolo dopo Cristo e quindi postuma alla nascità di Gesù, o quella di dover togliere o modificare scene non adatte ad un presepe come la strage degli innocenti».
«Conosco e capisco benissimo – ha scritto Tartari – quelle che sono le difficoltà oggettive che si presentano nell’organizzare un evento di questo tipo, primo fra tutte quelle derivanti dalla condizione economica e sociale che stiamo vivendo, ma l’impossibilità di essere messa nelle condizioni di poter svolgere il lavoro per il quale sono stata chiamata è ciò che disturba più di tutto».

Luca Prisco replica a Tartari. «Nessuna avversione personale. Il comitato organizzatore riunito collegialmente ha deciso che non c’erano più le condizioni ambientali per proseguire il rapporto di lavoro con il direttore artistico e quindi per lavorare serenamente all’evento. Criticarci ci sembra una mancanza di rispetto. A noi stanno a cuore le sorti del Presepe Vivente che è un evento di portata internazionale per Matera e che è composto da tante anime. A tal proposito, oltre alle Pro Loco di Barile, Crispiano e Rionero in Vulture e al Gruppo Storico Romano desidero ringraziare l’opera instancabile di 80 volontari dell’Associazione della Polizia di Stato, dell’Anpana, dell’Aeop, del Gruppo Lucano e la Croce Rossa. Le strutture alberghiere e ricettive della città sono piene e si prevedono, grazie al Presepe Vivente circa 30 mila visitatori e 50 mila presenze durante i giorni dell’evento. Avremo qualcosa come 230 bus con visitatori anche Nord Italia e giornalisti accreditati anche dall’estero. L’invito agli operatori commerciali è di tenere aperte le attività e aumentare le produzioni».

Intanto la blogger letteraria e scrittrice Gaia Conventi, amica di Susanna Tartari, ha annunciato che non documenterà più Matera e il suo Presepe Vivente. «Se Matera non sa apprezzare il contributo umano e artistico della ferrarese Susanna Tartari – ha scritto in una lettera al vice sindaco –, non potrà nemmeno apprezzare la mia presenza di viaggiatrice ferrarese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie